• Sono le ore : :  di  lunedì 26 ago, 2019
  • Loading....
Quotidiano online Noi di Calabria
Vibo, aree archeologiche: il 13 agosto il secondo tour in bus
di Maria Laura Barbuto

VIBO VALENTIA – Secondo appuntamento con il patrimonio storico - archeologico della città: martedì 13 agosto, a partire dalle 18.00, si ripeterà l’iniziativa culturale promossa dall’amministrazione comunale e fortemente voluta dal sindaco Maria Limardo.
Il tour gratuito dei siti archeologici – che per l’occasione saranno aperti in via straordinaria -  è finalizzato alla valorizzazione e promozione del territorio e rappresenta un’importante occasione per immergersi in un passato virtuoso ed andare alla riscoperta delle proprie radici culturali e della propria identità. Così come per la prima iniziativa del 23 luglio scorso, sarà l’archeologa Mariangela Preta a guidare la visita e ad illustrare le aree archeologiche in questo secondo appuntamento con la storia. Questa volta, a differenza di quella precedente, il tour in bus avrà inizio dal comune, all’interno del quale si trovano le fornaci romane e poi proseguirà verso le Mura Greche. Saranno poi visitati il castello e le sue pertinenze esterne ed il gruppo di partecipanti, intorno alle 19.30, concluderà la visita guidata al Battistero Paleocristiano sito in Piazza San Leoluca. 
A tour ultimato, il bar Etoile – sponsor dell’iniziativa - offrirà un rinfresco a tutti i partecipanti che, eventualmente, potranno fare una passeggiata su Corso Umberto I. Va sottolineato che l’apertura straordinaria delle aree archeologiche della città è stata resa possibile grazie alla sinergia tra  il comune, la Soprintendenza ABAP di Reggio Calabria e Vibo Valentia, ii polo museale vibonese e grazie alle Ferrovie della Calabria che hanno messo a disposizione un bus.
Dopo il successo registrato il 23 luglio con la partecipazione di oltre 100 persone, tra cittadini e turisti, pure per questa seconda iniziativa si spera di replicare anche in termini di numeri. Oltre che una grande opportunità, l’evento implica l’obiettivo della sensibilizzazione della popolazione in merito all’immenso ed invidiabile patrimonio culturale e storico-archeologico ricevuto dai vibonesi in eredità dai greci e dai romani. Del resto, ripartire da quelle civiltà e dalle origini significa ritrovare – attraverso la valorizzazione della cultura e del suo patrimonio -  un forte senso di appartenenza a questa città. Ed è solo sentendosi parte attiva della stessa che potrà iniziare il vero cambiamento.


Top