• Sono le ore : :  di  lunedì 26 ago, 2019
  • Loading....
Quotidiano online Noi di Calabria
Salute individuale e ambiente
di Giuseppe Scambelluri

La consapevolezza che per garantire la salute individuale sia diventato ormai  improrogabile occuparsi anche della salute ambientale, ha ormai conquistato anche la classe medica.
I rischi per la salute sono inequivocabilmente legati, infatti, al degrado ambientale e agli stili di vita.
E' necessario dunque che i medici orientino la loro azione sostenendo in tutti i modi le scelte individuali volte alla tutela dell'ambiente.

Gravi e preoccupanti dissesti ambientali hanno sollecitato una crescente attenzione del mondo medico verso questi temi. E' ormai evidente che molti processi patologici trovano una loro genesi in cause ambientali di vario tipo, in primis l’accumulo di inquinanti nell’aria, nell’acqua, nel suolo e nel cibo.
Per favorire l'adozione di misure efficaci, oltre la scelta di stili di vita individuali più rispettose dell'unità biologica umana, sarà necessario favorire l’incontro tra scienza, politica ed etica.

La promozione della salute, ambientale e globale, è anche prevista esplicitamente dall'articolo 5 del Codice di Deontologia Professionale dei medici che cita testualmente: "Il medico, nel considerare l'ambiente di vita e di lavoro e i livelli di istruzione e di equità sociale quali determinanti fondamentali della salute individuale e collettiva, collabora all’attuazione di idonee politiche educative, di prevenzione e di contrasto alle disuguaglianze alla salute e promuove l'adozione di stili di vita salubri, informando sui principali fattori di rischio.
Il medico, sulla base delle conoscenze disponibili, si adopera per una pertinente comunicazione sull’esposizione e sulla vulnerabilità a fattori di rischio ambientale e favorisce un utilizzo appropriato delle risorse naturali, per un ecosistema equilibrato e vivibile anche dalle future generazioni."

Purtroppo nel recente passato il medico ha sottostimato l'importanza di questo articolo concentrando la sua massima attenzione sull'aspetto clinico delle patologie.
Grandissimi sviluppi hanno infatti ricevuto le tecniche finalizzate alle indagini diagnostiche e alla cura delle malattie oncologiche mentre, al contempo, sono rimasti un passo indietro gli approfondimenti nel merito delle cause profonde che sottendono e spiegano l'epidemiologia delle patologie oggi prevalenti.
La salute dovrebbe diventare dunque una priorità nell’ambito delle scelte politiche privilegiando la qualità della vita, in civile opposizione a quanti perseguono iniziative non rispettose dell’ambiente.

Foto: Fonte Web


Top