Succede nel nostro paese che tre figli d’Italia, nell’adempimento del loro dovere perdano la vita per colpa di uno scellerato.

Un folle, un truffatore. Che nel tentativo di frodare l’assicurazione, grazie ad una polizza accesa ad  hoc qualche tempo prima, premedita, studia e infine crea le condizioni per far esplodere una cascina.

Si da il caso che in quella cascina, per provare a spegnere il rogo innescato da alcune bombole di gas, che sarebbero dovute esplodere attraverso l’attivazione di un timer che poi ha funzionato male, tre Vigili del Fuoco, ci rimangano arsi vivi.

“Il pompiere paura non ne ha” recita l’inno dei Vigili del Fuoco. Ma il dolore dei familiari, degli amici, la disgrazia di tre vite spessate a causa della follia umana chi le ripagherà? Come le ripagherà? 

È pensabile morire cosi? 

Ogni giorno migliaia di persone in divisa, scendono in strada, intervengono su luoghi impervi, controllano le nostre strade, ci aiutano a sentirci più sicuri. Lo sanno in partenza e ci convivono col rischio di non tornare a casa.

Ma questa volta, la follia di un uomo ha un sapore diverso. Non è a causa di un intervento andato male che tre uomini hanno lasciato per sempre mogli, figli, fratelli e genitori. Questa volta tre persone sono rimaste uccise per colpa di un uomo che voleva intascare qualche euro grazie ad una truffa assicurativa.

Un uomo che nel migliore dei casi sarà accusato di omicidio colposo che prevede una pena dai sei mesi fino ad un massimo di 10 anni di reclusione, a seconda della gravità del reato.

Ma tre vite che stavano soltanto svolgendo il loro lavoro non ci sono più. Sono cadute nell’inferno della follia umana che, nell’anno del signore 2019,  le ha troncate per tentare una truffa assicurativa.

Condividi

Leave A Reply

object(WP_Post)#5134 (24) { ["ID"]=> int(45598) ["post_author"]=> string(1) "7" ["post_date"]=> string(19) "2019-11-10 09:56:55" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2019-11-10 08:56:55" ["post_content"]=> string(1967) "Succede nel nostro paese che tre figli d’Italia, nell’adempimento del loro dovere perdano la vita per colpa di uno scellerato. Un folle, un truffatore. Che nel tentativo di frodare l’assicurazione, grazie ad una polizza accesa ad  hoc qualche tempo prima, premedita, studia e infine crea le condizioni per far esplodere una cascina. Si da il caso che in quella cascina, per provare a spegnere il rogo innescato da alcune bombole di gas, che sarebbero dovute esplodere attraverso l’attivazione di un timer che poi ha funzionato male, tre Vigili del Fuoco, ci rimangano arsi vivi. “Il pompiere paura non ne ha” recita l’inno dei Vigili del Fuoco. Ma il dolore dei familiari, degli amici, la disgrazia di tre vite spessate a causa della follia umana chi le ripagherà? Come le ripagherà?  È pensabile morire cosi?  Ogni giorno migliaia di persone in divisa, scendono in strada, intervengono su luoghi impervi, controllano le nostre strade, ci aiutano a sentirci più sicuri. Lo sanno in partenza e ci convivono col rischio di non tornare a casa. Ma questa volta, la follia di un uomo ha un sapore diverso. Non è a causa di un intervento andato male che tre uomini hanno lasciato per sempre mogli, figli, fratelli e genitori. Questa volta tre persone sono rimaste uccise per colpa di un uomo che voleva intascare qualche euro grazie ad una truffa assicurativa. Un uomo che nel migliore dei casi sarà accusato di omicidio colposo che prevede una pena dai sei mesi fino ad un massimo di 10 anni di reclusione, a seconda della gravità del reato. Ma tre vite che stavano soltanto svolgendo il loro lavoro non ci sono più. Sono cadute nell’inferno della follia umana che, nell’anno del signore 2019,  le ha troncate per tentare una truffa assicurativa." ["post_title"]=> string(73) "Antonino Candido e i suoi colleghi vittime della follia del nostro tempo." ["post_excerpt"]=> string(0) "" ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(4) "open" ["ping_status"]=> string(4) "open" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(72) "antonino-candido-e-i-suoi-colleghi-vittime-della-follia-del-nostro-tempo" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2019-11-10 10:08:19" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2019-11-10 09:08:19" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(37) "https://www.noidicalabria.it/?p=45598" ["menu_order"]=> int(0) ["post_type"]=> string(4) "post" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" }