Venti progetti, investimenti complessivi per quasi 80 milioni di euro, un’unica e integrata strategia di sviluppo del capoluogo. E un’anima, soprattutto, un filo rosso che lega istituzioni, sindacati, associazioni di categoria e Ordini professionali, in un’azione “concertata, condivisa, partecipata – ha sottolineato il sindaco Sergio Abramo – che per la prima volta ha permesso di riunire in questo produttivo partenariato le idee di tutti”.  È “Catanzaro, Città-Regione,  capoluogo/capitale della Calabria” lo slogan scelto per rilanciare, attraverso i Contratti istituzionali di sviluppo (Cis), le funzioni strategiche e direzionali della città. 

Le idee progettuali presentate dal primo cittadino, affiancato dal dirigente Antonio De Marco, e da tutto il partenariato nella sala Concerti di Palazzo De Nobili, sono state elaborate dal Comune (che le ha approvate in giunta), da sindacati, associazioni di categoria e Ordini professionali in una serie di tavoli di lavoro e approfondimento. I progetti sono stati inviati a Invitalia, che ora dovrà procedere con la richiesta di autorizzazione al ministero dello Sviluppo economico. 

“Cambiare è sempre possibile – ha aggiunto il sindaco –, ma per farlo le amministrazioni non devono essere da sole. Bene, anche in questo caso la risposta del partenariato è stata forte e immediata ed è per questo che intendo ringraziare uno a uno i componenti presenti qui oggi e tutti gli altri che si sono dati da fare, attivamente, in queste settimane di lavoro: la loro collaborazione ci ha consentito di predisporre in tempi rapidissimi i progetti inseriti nei Cis. L’input l’ha dato il Comune, ma l’intervento è stato seguito e voluto da tutti quanti”. 

Alla conferenza stampa hanno partecipato Confindustria (Aldo Ferrara e Dario Lamanna), Ordini degli Architetti (Giuseppe Macrì), degli Ingegneri (Gerlando Cuffaro) e degli Avvocati (Antonello Talerico), Camera di Commercio (il segretario generale Maurizio Ferrara), Confcommercio (Pietro Falbo), Confesercenti (Francesco Chirillo), Cgil (Francesco Cimino) e Giovani Confcommercio (Marco Napoli). Presenti anche diversi esponenti della giunta e del Consiglio comunale. 

Nello specifico, i progetti (riportati di seguito), integrati con altri programmi e strumenti di sviluppo come Agenda Urbana, i Pums e la progettazione di settore, si incardinano in quattro macro-aree: il recupero e la riqualificazione del centro storico; la valorizzazione dell’area direzionale di Germaneto; la ricucitura dei quartieri periferici; il potenziamento della vocazione turistica della città. E due sotto-aree: sviluppo di un sistema di mobilità urbana sostenibile; promozione di una più efficace strategia di sostenibilità ambientale . 

  1. Progetto di realizzazione di parcheggi di scambio con la Metropolitana nelle aree strategiche di Germaneto e per la realizzazione dei collegamenti agevolati tra fermata della Metropolitana e nodi prioritari di servizio pubblico (Università-Policlinico, Cittadella Regionale, Stazione FS, Area produttiva, Mercato agroalimentare, ecc.). Importo previsto: 2 milioni. 
  2. Progetto di realizzazione di spazi aperti commerciali ed artigiani, con dehors all’aperto, a basso impatto urbanistico e strutturale (strutture trasparenti e integrate nell’ambiente) nell’area Nicholas Green del centro storico, (4 milioni). 
  3. Progetto di recupero della tradizione dell’arte della seta, con realizzazione di aree di allevamento bachicoltura, aree di tessitura tradizionale e vendita in centro storico (quartiere Pianicello), e realizzazione di un “Museo dell’arte della seta”, (1 milione). 
  4. Progetto di riqualificazione e riconversione di edifici pubblici in centro storico (Convitto Galluppi) da utilizzare per sedi formative dell’Università, (15 milioni). 
  5. Progetto per il completamento di chiusura con arredo urbano della Galleria Mancuso, (500mila). 
  6. Progetto di sistemazione con ampliamento dei corridoi sotterranei delle Gallerie del San Giovanni, (12 milioni). 
  7. Progetto di realizzazione di un parcheggio sotterraneo in piazza Prefettura con area attrezzata espositiva e roof-garden di superficie, (6 milioni). 
  8. Progetto di realizzazione di “parcheggi di prossimità” in centro storico, supportati da impianti ettometrici di collegamento con le aree strategiche del centro, finalizzati all’alleggerimento dell’acceso veicolare in centro storico e per la sua pedonalizzazione, (5 milioni). 
  9. Progetto di sistemazione del parcheggio e dell’ascensore panoramico di Bellavista, (2 milioni). 
  10. Progetto di acquisto e “revampizzazione” di bus elettrici per il trasporto pubblico a navetta in centro storico, con contestuale installazione diffusa delle colonnine di ricarica, (1 milione). 
  11. Progetto di realizzazione di un sistema di Car e di Bike sharing elettrici, (1 milione). 
  12. Progetto di realizzazione del Museo etnografico e delle carrozze di Siano in struttura espositiva a basso impatto ambientale nel Parco della Biodiversità, (2 milioni). 
  13. Progetto di realizzazione di una pista ciclabile Stazione Fs e Fdc di Catanzaro Lido/Lungomare/Giovino, (500mila). 
  14. Progetto di realizzazione del Museo del Mare e delle Tradizioni Marinare (con annesso sommergibile) nell’area portuale, (15 milioni). 
  15. Progetto per la realizzazione di un ampio parcheggio di scambio a ridosso delle

stazioni FS e FdC di Lido, (2 milioni). 

  1. Progetto per la realizzazione di un Parco naturale protetto alle “Dune” di Giovino, (200mila).
  2. Realizzazione del nuovo Ponte sulla Fiumarella di raccordo del Lungomare, (3 milioni). 
  3. Progetto per la realizzazione di una “Green road” di collegamento tra il Bosco “Li Comuni” di Siano, il Parco della Biodiversità ex-Agraria ed il Parco di Giovino, con l’installazione di strutture leggere ed ecocompatibili di accoglienza turistica e di ristorazione e vendita di prodotti agroalimentari tipici locali, (2 milioni). 
  4. Progetto per la realizzazione di una “pista ciclabile” protetta mare/monti tra Bosco Li Comuni Siano e area protetta di Giovino, (5 milioni). 
  5. Progetto (provinciale) per la realizzazione area eventi e visite attrezzata per agriturismo e agricoltura biologica presso Centro innovazione Provinciale CRISEA, (800mila). 

Il sindaco ha inoltre annunciato un 21esimo progetto, relativo alla riqualificazione della Caserma Triggiani, per cui si è aperta la trattativa con la Guardia di Finanza, che manterrà le sedi attuali nel centro storico e potrebbe utilizzare una parte dell’ex Palazzo Santa Chiara per la logistica e abitazioni. 

Condividi

Leave A Reply

object(WP_Post)#5108 (24) { ["ID"]=> int(44862) ["post_author"]=> string(1) "4" ["post_date"]=> string(19) "2019-11-04 17:33:38" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2019-11-04 16:33:38" ["post_content"]=> string(8186) "Venti progetti, investimenti complessivi per quasi 80 milioni di euro, un’unica e integrata strategia di sviluppo del capoluogo. E un’anima, soprattutto, un filo rosso che lega istituzioni, sindacati, associazioni di categoria e Ordini professionali, in un’azione “concertata, condivisa, partecipata – ha sottolineato il sindaco Sergio Abramo – che per la prima volta ha permesso di riunire in questo produttivo partenariato le idee di tutti”.  È “Catanzaro, Città-Regione,  capoluogo/capitale della Calabria” lo slogan scelto per rilanciare, attraverso i Contratti istituzionali di sviluppo (Cis), le funzioni strategiche e direzionali della città.  Le idee progettuali presentate dal primo cittadino, affiancato dal dirigente Antonio De Marco, e da tutto il partenariato nella sala Concerti di Palazzo De Nobili, sono state elaborate dal Comune (che le ha approvate in giunta), da sindacati, associazioni di categoria e Ordini professionali in una serie di tavoli di lavoro e approfondimento. I progetti sono stati inviati a Invitalia, che ora dovrà procedere con la richiesta di autorizzazione al ministero dello Sviluppo economico.  “Cambiare è sempre possibile – ha aggiunto il sindaco –, ma per farlo le amministrazioni non devono essere da sole. Bene, anche in questo caso la risposta del partenariato è stata forte e immediata ed è per questo che intendo ringraziare uno a uno i componenti presenti qui oggi e tutti gli altri che si sono dati da fare, attivamente, in queste settimane di lavoro: la loro collaborazione ci ha consentito di predisporre in tempi rapidissimi i progetti inseriti nei Cis. L’input l’ha dato il Comune, ma l’intervento è stato seguito e voluto da tutti quanti”.  Alla conferenza stampa hanno partecipato Confindustria (Aldo Ferrara e Dario Lamanna), Ordini degli Architetti (Giuseppe Macrì), degli Ingegneri (Gerlando Cuffaro) e degli Avvocati (Antonello Talerico), Camera di Commercio (il segretario generale Maurizio Ferrara), Confcommercio (Pietro Falbo), Confesercenti (Francesco Chirillo), Cgil (Francesco Cimino) e Giovani Confcommercio (Marco Napoli). Presenti anche diversi esponenti della giunta e del Consiglio comunale.  Nello specifico, i progetti (riportati di seguito), integrati con altri programmi e strumenti di sviluppo come Agenda Urbana, i Pums e la progettazione di settore, si incardinano in quattro macro-aree: il recupero e la riqualificazione del centro storico; la valorizzazione dell’area direzionale di Germaneto; la ricucitura dei quartieri periferici; il potenziamento della vocazione turistica della città. E due sotto-aree: sviluppo di un sistema di mobilità urbana sostenibile; promozione di una più efficace strategia di sostenibilità ambientale . 
  1. Progetto di realizzazione di parcheggi di scambio con la Metropolitana nelle aree strategiche di Germaneto e per la realizzazione dei collegamenti agevolati tra fermata della Metropolitana e nodi prioritari di servizio pubblico (Università-Policlinico, Cittadella Regionale, Stazione FS, Area produttiva, Mercato agroalimentare, ecc.). Importo previsto: 2 milioni. 
  2. Progetto di realizzazione di spazi aperti commerciali ed artigiani, con dehors all’aperto, a basso impatto urbanistico e strutturale (strutture trasparenti e integrate nell'ambiente) nell'area Nicholas Green del centro storico, (4 milioni). 
  3. Progetto di recupero della tradizione dell’arte della seta, con realizzazione di aree di allevamento bachicoltura, aree di tessitura tradizionale e vendita in centro storico (quartiere Pianicello), e realizzazione di un “Museo dell’arte della seta”, (1 milione). 
  4. Progetto di riqualificazione e riconversione di edifici pubblici in centro storico (Convitto Galluppi) da utilizzare per sedi formative dell’Università, (15 milioni). 
  5. Progetto per il completamento di chiusura con arredo urbano della Galleria Mancuso, (500mila). 
  6. Progetto di sistemazione con ampliamento dei corridoi sotterranei delle Gallerie del San Giovanni, (12 milioni). 
  7. Progetto di realizzazione di un parcheggio sotterraneo in piazza Prefettura con area attrezzata espositiva e roof-garden di superficie, (6 milioni). 
  8. Progetto di realizzazione di "parcheggi di prossimità" in centro storico, supportati da impianti ettometrici di collegamento con le aree strategiche del centro, finalizzati all’alleggerimento dell'acceso veicolare in centro storico e per la sua pedonalizzazione, (5 milioni). 
  9. Progetto di sistemazione del parcheggio e dell’ascensore panoramico di Bellavista, (2 milioni). 
  10. Progetto di acquisto e "revampizzazione" di bus elettrici per il trasporto pubblico a navetta in centro storico, con contestuale installazione diffusa delle colonnine di ricarica, (1 milione). 
  11. Progetto di realizzazione di un sistema di Car e di Bike sharing elettrici, (1 milione). 
  12. Progetto di realizzazione del Museo etnografico e delle carrozze di Siano in struttura espositiva a basso impatto ambientale nel Parco della Biodiversità, (2 milioni). 
  13. Progetto di realizzazione di una pista ciclabile Stazione Fs e Fdc di Catanzaro Lido/Lungomare/Giovino, (500mila). 
  14. Progetto di realizzazione del Museo del Mare e delle Tradizioni Marinare (con annesso sommergibile) nell'area portuale, (15 milioni). 
  15. Progetto per la realizzazione di un ampio parcheggio di scambio a ridosso delle
stazioni FS e FdC di Lido, (2 milioni). 
  1. Progetto per la realizzazione di un Parco naturale protetto alle "Dune" di Giovino, (200mila).
  2. Realizzazione del nuovo Ponte sulla Fiumarella di raccordo del Lungomare, (3 milioni). 
  3. Progetto per la realizzazione di una "Green road" di collegamento tra il Bosco "Li Comuni" di Siano, il Parco della Biodiversità ex-Agraria ed il Parco di Giovino, con l'installazione di strutture leggere ed ecocompatibili di accoglienza turistica e di ristorazione e vendita di prodotti agroalimentari tipici locali, (2 milioni). 
  4. Progetto per la realizzazione di una "pista ciclabile" protetta mare/monti tra Bosco Li Comuni Siano e area protetta di Giovino, (5 milioni). 
  5. Progetto (provinciale) per la realizzazione area eventi e visite attrezzata per agriturismo e agricoltura biologica presso Centro innovazione Provinciale CRISEA, (800mila). 
Il sindaco ha inoltre annunciato un 21esimo progetto, relativo alla riqualificazione della Caserma Triggiani, per cui si è aperta la trattativa con la Guardia di Finanza, che manterrà le sedi attuali nel centro storico e potrebbe utilizzare una parte dell’ex Palazzo Santa Chiara per la logistica e abitazioni. " ["post_title"]=> string(46) "Catanzaro: Il comune presenta i progetti CIS." ["post_excerpt"]=> string(0) "" ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(4) "open" ["ping_status"]=> string(4) "open" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(43) "catanzaro-il-comune-presenta-i-progetti-cis" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2019-11-04 16:43:00" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2019-11-04 15:43:00" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(37) "https://www.noidicalabria.it/?p=44862" ["menu_order"]=> int(0) ["post_type"]=> string(4) "post" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" }