Nel corso dell’incontro, molto partecipato, il rag. Lilli Conti, uno dei vice-presidenti dell’associazione, storico della gastronomia italiana, ha dettagliatamente informato su alcuni dei piatti più caratteristici della nostra Cucina negli anni immediatamente successivi alla fine della Seconda Guerra Mondiale. Sono stati così presentati alla degustazione:
biscottu casareccio a capunata”; maccu i favi; brocculi i macellari ffuati”;
macarruni i casa fatti a mano cu bucu; zuppa i fascioli chi cotichi ru porcu”;
carcioffuli i roccella ammuddicati”; “ventriceddi ca muddica di pani friscu”;
piscistoccu chi patati”; suffrittu a riggitana fattu allusu anticu”; purpetti nto sugu; carciofuli a cutuletta”; a cutra ru bizzolu servita nel piatto del buon ricordo conti”; “susumelli e strufoli fatti in casa.
Il momento conviviale è stato preceduto da una visita guidata al Parco Archeologico di Occhio di Pellaro, gestito alla perfezione dalla giovanile Associazione Garibaldina’ di Motta San Giovanni. Le strutture magnogreche e romane che sono state scoperte in quel sito, testimoniando la ricchezza degli antichi insediamenti dell’area sud del territorio comunale reggino, illustrate con molta professionalità dalle operatrici dell ‘Associazione Garibaldina’, hanno suscitato, negli attenti visitatori, molto interesse verso una realtà archeologica fino a poco tempo fa completamente obliata.

Condividi

Leave A Reply

object(WP_Post)#5134 (24) { ["ID"]=> int(52225) ["post_author"]=> string(1) "4" ["post_date"]=> string(19) "2020-01-13 11:53:27" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2020-01-13 10:53:27" ["post_content"]=> string(1434) "Nel corso dell'incontro, molto partecipato, il rag. Lilli Conti, uno dei vice-presidenti dell'associazione, storico della gastronomia italiana, ha dettagliatamente informato su alcuni dei piatti più caratteristici della nostra Cucina negli anni immediatamente successivi alla fine della Seconda Guerra Mondiale. Sono stati così presentati alla degustazione: biscottu casareccio a capunata”; maccu i favi; brocculi i macellari ffuati”; macarruni i casa fatti a mano cu bucu; zuppa i fascioli chi cotichi ru porcu”; carcioffuli i roccella ammuddicati”; “ventriceddi ca muddica di pani friscu”; piscistoccu chi patati”; suffrittu a riggitana fattu allusu anticu”; purpetti nto sugu; carciofuli a cutuletta”; a cutra ru bizzolu servita nel piatto del buon ricordo conti”; “susumelli e strufoli fatti in casa. Il momento conviviale è stato preceduto da una visita guidata al Parco Archeologico di Occhio di Pellaro, gestito alla perfezione dalla giovanile Associazione Garibaldina’ di Motta San Giovanni. Le strutture magnogreche e romane che sono state scoperte in quel sito, testimoniando la ricchezza degli antichi insediamenti dell'area sud del territorio comunale reggino, illustrate con molta professionalità dalle operatrici dell ‘Associazione Garibaldina’, hanno suscitato, negli attenti visitatori, molto interesse verso una realtà archeologica fino a poco tempo fa completamente obliata." ["post_title"]=> string(49) "Cosa si mangiava a Reggio Calabria negli anni '50" ["post_excerpt"]=> string(0) "" ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(4) "open" ["ping_status"]=> string(4) "open" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(48) "cosa-si-mangiava-a-reggio-calabria-negli-anni-50" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2020-01-13 11:25:26" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2020-01-13 10:25:26" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(37) "https://www.noidicalabria.it/?p=52225" ["menu_order"]=> int(0) ["post_type"]=> string(4) "post" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" }