Si apre con tre liete notizie il nuovo anno, all’UOC di Neonatologia e Terapia Intensiva Neonatale dell’Annunziata.
E’ stata dimessa la bimba nata prematura all’Ospedale di Reggio Calabria e trasferita nel nosocomio bruzio con grave sindrome da Distress Respiratorio e da Perforazione Intestinale. La bimba che alla nascita – nata alla 25ma settimana – pesava solo gr.400 è stata sottoposta immediatamente ad un intervento di alta specializzazione chirurgica, effettuato dal Dr. Fawzi Shweiki Direttore ff della U.O.C. Chirurgia Pediatrica.
Superata la difficile fase post-operatoria e dopo una lunga permanenza in Terapia Intensiva Neonatale, dopo circa 5 mesi di degenza è stata dimessa con grande soddisfazione dei genitori che hanno avuto la forza e la volontà di resistere ad un difficile periodo di sofferenze e preoccupazioni.
In questi primi giorni del nuovo anno si sono anche concluse due gravidanze “a rischio”, seguite nell’U.O.C. Ostetricia e Ginecologia, per le quali era stata fatta una importante e complessa diagnosi prenatale di malformazioni gastro-intestinali.
Il Team multidisciplinare dell’area Materno-infantile dedicato alla gestione delle gravidanze a rischio – dr.ri Gianfranco Scarpelli per la Neonatologia, Michele Morelli per l’ Ostetricia e Ginecologia e Fawzi Shweiki per la Chirurgia pediatrica- è riuscite a convincere i genitori della possibilità per i neonati di essere trattati nell’Azienda Ospedaliera di Cosenza senza necessità di migrazione sanitaria in altre regioni.
E i risultati positivi non si sono fatti attendere. I neonati trattati chirurgicamente dopo il parto stanno bene e sono stati dimessi.
Particolare soddisfazione è stata espressa dal dr Gianfranco Scarpelli, Direttore del Dipartimento Materno-Infantile e dell’U.O.C. Neonatologia e TIN dell’Azienda Ospedaliera di Cosenza per i risultati raggiunti nell’ambito del Dipartimento Materno-Infantile dell’Azienda Ospedaliera di Cosenza in termini di prestazioni sanitarie offerte e risoluzione di gravi problematiche neonatali.
I risultati sono stati ottenuti grazie ad un importante lavoro sinergico di equipe, svolto in stretta collaborazione tra le Unità Operative di Neonatologia, di Chirurgia Pediatrica, di Ostetricia e Ginecologia.
A Cosenza vengono ricoverati molti neonati provenienti dai Punti Nascita di tutta la Regione Calabria con gravi patologie mediche e chirurgiche, riuscendo a trovare una risposta di qualità e con esiti estremamente positivi.
“Finalmente – ha sottolineato il dr Scarpelli – si sta creando una rete assistenziale neonatale regionale che vede i vari Punti nascita integrati tra di loro e con la possibilità di utilizzare il Dipartimento Materno-Infantile e la TIN di Cosenza come Centro di riferimento regionale per particolari e specifiche problematiche cliniche senza ulteriori spese aggiuntive”.
Grande soddisfazione è stata espressa dalla Direzione Generale per l’elevata qualità delle prestazioni offerte dalle Unità Operative del Dipartimento Materno-Infantile “a conferma che anche in Calabria ci sono medici in grado di dare risposte di eccellenza a problematiche medico-assistenziali di particolare complessità e rigore clinico”.

Condividi

Leave A Reply

object(WP_Post)#5137 (24) { ["ID"]=> int(52633) ["post_author"]=> string(1) "4" ["post_date"]=> string(19) "2020-01-17 13:15:56" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2020-01-17 12:15:56" ["post_content"]=> string(3274) "Si apre con tre liete notizie il nuovo anno, all’UOC di Neonatologia e Terapia Intensiva Neonatale dell’Annunziata. E’ stata dimessa la bimba nata prematura all’Ospedale di Reggio Calabria e trasferita nel nosocomio bruzio con grave sindrome da Distress Respiratorio e da Perforazione Intestinale. La bimba che alla nascita - nata alla 25ma settimana - pesava solo gr.400 è stata sottoposta immediatamente ad un intervento di alta specializzazione chirurgica, effettuato dal Dr. Fawzi Shweiki Direttore ff della U.O.C. Chirurgia Pediatrica. Superata la difficile fase post-operatoria e dopo una lunga permanenza in Terapia Intensiva Neonatale, dopo circa 5 mesi di degenza è stata dimessa con grande soddisfazione dei genitori che hanno avuto la forza e la volontà di resistere ad un difficile periodo di sofferenze e preoccupazioni. In questi primi giorni del nuovo anno si sono anche concluse due gravidanze “a rischio”, seguite nell’U.O.C. Ostetricia e Ginecologia, per le quali era stata fatta una importante e complessa diagnosi prenatale di malformazioni gastro-intestinali. Il Team multidisciplinare dell’area Materno-infantile dedicato alla gestione delle gravidanze a rischio - dr.ri Gianfranco Scarpelli per la Neonatologia, Michele Morelli per l’ Ostetricia e Ginecologia e Fawzi Shweiki per la Chirurgia pediatrica- è riuscite a convincere i genitori della possibilità per i neonati di essere trattati nell’Azienda Ospedaliera di Cosenza senza necessità di migrazione sanitaria in altre regioni. E i risultati positivi non si sono fatti attendere. I neonati trattati chirurgicamente dopo il parto stanno bene e sono stati dimessi. Particolare soddisfazione è stata espressa dal dr Gianfranco Scarpelli, Direttore del Dipartimento Materno-Infantile e dell’U.O.C. Neonatologia e TIN dell’Azienda Ospedaliera di Cosenza per i risultati raggiunti nell’ambito del Dipartimento Materno-Infantile dell’Azienda Ospedaliera di Cosenza in termini di prestazioni sanitarie offerte e risoluzione di gravi problematiche neonatali. I risultati sono stati ottenuti grazie ad un importante lavoro sinergico di equipe, svolto in stretta collaborazione tra le Unità Operative di Neonatologia, di Chirurgia Pediatrica, di Ostetricia e Ginecologia. A Cosenza vengono ricoverati molti neonati provenienti dai Punti Nascita di tutta la Regione Calabria con gravi patologie mediche e chirurgiche, riuscendo a trovare una risposta di qualità e con esiti estremamente positivi. “Finalmente - ha sottolineato il dr Scarpelli - si sta creando una rete assistenziale neonatale regionale che vede i vari Punti nascita integrati tra di loro e con la possibilità di utilizzare il Dipartimento Materno-Infantile e la TIN di Cosenza come Centro di riferimento regionale per particolari e specifiche problematiche cliniche senza ulteriori spese aggiuntive”. Grande soddisfazione è stata espressa dalla Direzione Generale per l’elevata qualità delle prestazioni offerte dalle Unità Operative del Dipartimento Materno-Infantile “a conferma che anche in Calabria ci sono medici in grado di dare risposte di eccellenza a problematiche medico-assistenziali di particolare complessità e rigore clinico”. " ["post_title"]=> string(84) "Cosenza - All'ospedale "Annunziata" dimessa la bimba prematura che pesava 400 grammi" ["post_excerpt"]=> string(0) "" ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(4) "open" ["ping_status"]=> string(4) "open" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(79) "cosenza-allospedale-annunziata-dimessa-la-bimba-prematura-che-pesava-400-grammi" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2020-01-17 13:15:40" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2020-01-17 12:15:40" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(37) "https://www.noidicalabria.it/?p=52633" ["menu_order"]=> int(0) ["post_type"]=> string(4) "post" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" }