Il Cosenza ha bisogno della vittoria per cambiare marcia e iniziare finalmente un percorso diverso. Il punteggio pieno continua a farsi desiderare, lo scorso anno arrivò proprio in casa ma all’ottava giornata. Sabato si gioca per la settima di campionato, arriva il Venezia. La sensazione è quella che si è vicini nel raggiungere il traguardo ma è come ci si girasse intorno senza tagliarlo. La presentazione nell’arco dei 90 minuti, possiamo definirla importante con automatismi che iniziano a funzionare. Il pericolo si chiama Dionisi, tecnico che ha avuto la possibilità di allenare in B contraddistinguendosi con un gioco quadrato e produttivo nello scorso campionato in C con l’Imolese. I lagunari esprimono proprio il modello del proprio tecnico, arrivano dal pari casalingo in cui la fortuna ha girato loro le spalle. La novità potrebbe arrivare nel confermare il 4-3-3 ai danni del 4-3-1-2, l’idea però non cambia: fare una gara all’attacco e di qualità. Il Cosenza dovrà rompere questo incantesimo proponendo le proprie armi migliori, senza farsi prendere dall’ansia ma avere tanta pazienza. Il momento è quello giusto per invertire la rotta, Braglia attende risposte, vuole una squadra aggressiva.

Condividi

Leave A Reply

object(WP_Post)#5230 (24) { ["ID"]=> int(40431) ["post_author"]=> string(2) "12" ["post_date"]=> string(19) "2019-10-04 08:05:38" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2019-10-04 06:05:38" ["post_content"]=> string(1224) "Il Cosenza ha bisogno della vittoria per cambiare marcia e iniziare finalmente un percorso diverso. Il punteggio pieno continua a farsi desiderare, lo scorso anno arrivò proprio in casa ma all’ottava giornata. Sabato si gioca per la settima di campionato, arriva il Venezia. La sensazione è quella che si è vicini nel raggiungere il traguardo ma è come ci si girasse intorno senza tagliarlo. La presentazione nell'arco dei 90 minuti, possiamo definirla importante con automatismi che iniziano a funzionare. Il pericolo si chiama Dionisi, tecnico che ha avuto la possibilità di allenare in B contraddistinguendosi con un gioco quadrato e produttivo nello scorso campionato in C con l'Imolese. I lagunari esprimono proprio il modello del proprio tecnico, arrivano dal pari casalingo in cui la fortuna ha girato loro le spalle. La novità potrebbe arrivare nel confermare il 4-3-3 ai danni del 4-3-1-2, l’idea però non cambia: fare una gara all’attacco e di qualità. Il Cosenza dovrà rompere questo incantesimo proponendo le proprie armi migliori, senza farsi prendere dall'ansia ma avere tanta pazienza. Il momento è quello giusto per invertire la rotta, Braglia attende risposte, vuole una squadra aggressiva. " ["post_title"]=> string(35) "Cosenza, nessun alibi: devi vincere" ["post_excerpt"]=> string(0) "" ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(4) "open" ["ping_status"]=> string(4) "open" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(33) "cosenza-nessun-alibi-devi-vincere" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2019-10-04 07:17:54" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2019-10-04 05:17:54" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(37) "https://www.noidicalabria.it/?p=40431" ["menu_order"]=> int(0) ["post_type"]=> string(4) "post" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" }