Il Crotone si è fermato nelle ultime due sfide e ha perso un po’ di terreno. Nulla però è perduto, serve la reazione da vera squadra e da gruppo maturo. Certo che l’infermeria non aiuta, si ferma anche Benali, ma in questi casi l’unione fa la differenza. I calabresi, appunto, dovranno rispondere presente. Il primo ko casalingo contro il Perugia e il conseguente sorpasso in classifica dovrà far scattare il tasto rabbia agonistica per azzerare il momento negativo e tornare a vedere la luce. Il campanello d’allarme sono i troppi gol subiti nelle ultime cinque partite, ben nove di cui cinque negli ultimi 180 minuti. Si è perso un pizzico di solidità e abbassato leggermente il morale. Bisogna guardare il presente con ottimismo e dare un calcio all’attuale percorso. L’avversario dà le motivazioni giuste per trovare l’autostima perduta. Dai precedenti risulta un cliente facile: solo due successi allo Scida, l’ultimo nel 2011. Stiamo parlando dell’Ascoli a caccia della vittoria dopo due segni X. Una sfida dal sapore di grandi palcoscenici, tre punti d’oro in ottica futura. Un solo punto di differenza tra le due squadre intasate nel traffico lì in alto in classifica, serve uno scatto. Questo dimostra l’equilibrio del campionato dove ogni settimana tutto può cambiare. Dunque, restare concentrati e farsi trovare pronti sarà fondamentale per rimanere agganciati al treno. Solo così si potrebbe spalancare la via dell’occasione importante. I bianconeri, finora, in trasferta hanno vinto solo una volta, annientando la Juve Stabia 1-5, un pari e tre sconfitte. Il Crotone dovrà essere bravo a portare la partita sul binario preferito sin da subito e con quello smalto fluido che fino a qualche giornata fa ha incoronato il lavoro svolto e contraddistinto i ragazzi di Stroppa. Proprio il tecnico dei rossoblu richiama alla maggiore concentrazione: «Le sconfitte? Abbiamo fatto ottime prestazioni, siamo mancati solo di attenzione nei momenti chiave». I calabresi, in sintesi, hanno questa missione da portare a termine e devono rintracciare la compattezza vincente.

Condividi

Leave A Reply

object(WP_Post)#5108 (24) { ["ID"]=> int(45408) ["post_author"]=> string(2) "12" ["post_date"]=> string(19) "2019-11-08 08:25:30" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2019-11-08 07:25:30" ["post_content"]=> string(2102) " Il Crotone si è fermato nelle ultime due sfide e ha perso un po’ di terreno. Nulla però è perduto, serve la reazione da vera squadra e da gruppo maturo. Certo che l’infermeria non aiuta, si ferma anche Benali, ma in questi casi l’unione fa la differenza. I calabresi, appunto, dovranno rispondere presente. Il primo ko casalingo contro il Perugia e il conseguente sorpasso in classifica dovrà far scattare il tasto rabbia agonistica per azzerare il momento negativo e tornare a vedere la luce. Il campanello d'allarme sono i troppi gol subiti nelle ultime cinque partite, ben nove di cui cinque negli ultimi 180 minuti. Si è perso un pizzico di solidità e abbassato leggermente il morale. Bisogna guardare il presente con ottimismo e dare un calcio all'attuale percorso. L’avversario dà le motivazioni giuste per trovare l'autostima perduta. Dai precedenti risulta un cliente facile: solo due successi allo Scida, l'ultimo nel 2011. Stiamo parlando dell'Ascoli a caccia della vittoria dopo due segni X. Una sfida dal sapore di grandi palcoscenici, tre punti d'oro in ottica futura. Un solo punto di differenza tra le due squadre intasate nel traffico lì in alto in classifica, serve uno scatto. Questo dimostra l’equilibrio del campionato dove ogni settimana tutto può cambiare. Dunque, restare concentrati e farsi trovare pronti sarà fondamentale per rimanere agganciati al treno. Solo così si potrebbe spalancare la via dell’occasione importante. I bianconeri, finora, in trasferta hanno vinto solo una volta, annientando la Juve Stabia 1-5, un pari e tre sconfitte. Il Crotone dovrà essere bravo a portare la partita sul binario preferito sin da subito e con quello smalto fluido che fino a qualche giornata fa ha incoronato il lavoro svolto e contraddistinto i ragazzi di Stroppa. Proprio il tecnico dei rossoblu richiama alla maggiore concentrazione: «Le sconfitte? Abbiamo fatto ottime prestazioni, siamo mancati solo di attenzione nei momenti chiave». I calabresi, in sintesi, hanno questa missione da portare a termine e devono rintracciare la compattezza vincente. " ["post_title"]=> string(70) "Crotone, la sfida giusta per ritrovare l’autostima è da non fallire" ["post_excerpt"]=> string(0) "" ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(4) "open" ["ping_status"]=> string(4) "open" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(67) "crotone-la-sfida-giusta-per-ritrovare-lautostima-e-da-non-fallire-2" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2019-11-08 08:47:37" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2019-11-08 07:47:37" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(37) "https://www.noidicalabria.it/?p=45408" ["menu_order"]=> int(0) ["post_type"]=> string(4) "post" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" }