Se pur stamattina ho avuto modo di leggere l’articolo pubblicato da “Noi di Calabria”, giornale on-line, articolo del 14-01-2020, ore 08:00, in cui l’Assessore all’Ambiente del Comune di Vibo Valentia, Vincenzo Bruni, in merito alla “Differenziata nelle Scuole, ringrazia i Presidi”, e, certamente, apprezzo questa sua riflessione, che potrebbe spegnere le polemiche dei giorni scorsi, tuttavia, intendo fornire la replica in merito a quanto ho avuto modo di leggere negli articoli pubblicati da:
Quotidiano della Calabria del 12-01-2020, pag. 15 di Vibo
Gazzetta del Sud del 12-01-2020, pag. 34 di Vibo
Noi di Calabria, giornale on-line, articolo del 10-01-2020, ore 08:31
Noi di Calabria, giornale on-line, articolo del 12-01-2020, ore 13:27
Preliminarmente esprimo la più profonda amarezza e sconcerto per quanto accaduto nei miei confronti, Dirigente Scolastico di questo Istituto Comprensivo, nonché della stessa Scuola, lesa ingiustamente nell’immagine e nella sua serenità, e respingo ogni addebito desumibile dalle dichiarazioni rese dall’Assessore Bruni, che peraltro è genitore di un alunno di questa scuola, ben conosce l’impegno e la dedizione infinita con cui da anni adempio alla dirigenza scolastica, e per anni abbiamo avuto ottimi rapporti di stima reciproca, che, tuttavia, continuo a nutrire nei suoi confronti, nonostante lo spiacevole accaduto che mi ha creato notevole sofferenza per l’ingiustizia che ho subito, e la non rispondenza su quanto dichiarato dall’Assessore,
Certamente condivido che necessiti aver cura dell’ambiente, anzi è una delle tematiche inserite, altresì, nel nostro PTOF, per l’Educazione alla Cittadinanza, e che la formazione dell’educazione, alla cittadinanza ambientale e attiva, inizi fin dai primissimi anni di scuola e dev’essere attuata quale progetto molto importante che avrà una grande ricaduta su tutto il nostro territorio.
Proprio per l’interesse che ho per la tematica, da anni chiedo inascoltata alle diverse Amministrazioni Comunali di Vibo Valentia, nonché a rappresentanti Dusty, che mi vengano forniti i materiali necessari per poter adempiere alla raccolta differenziata dei rifiuti a scuola, ma mai, finora nessuno ha riscontrato tali richieste formali, PEC, etc… di cui si ha documentazioni in atti.
Più volte sono stati richiesti, altresì, interventi specifici di esperti Dusty per attuare informazione e sensibilizzazione di docenti, alunni e personale scolastico, ma un incontro soltanto è stato effettuato anni fa, mentre pare che dal programma Dusty dovesse avvenire a cadenza semestrale, cosa finora non adempiuta. Ad oggi gli unici contenitori/mastelli consegnati alla nostra scuola anni fa sono quelli per la carta che non sono contenitori e attrezzature necessarie all’adempimento di tutti i rifiuti dalla scuola prodotti.
Mai forniti finora buste per la raccolta dell’umido o altro, né da Dusty, né dal Comune.
Solo di recente, intorno a metà Dicembre 2019, avendo avuto contatti telefonici con la Sig.ra Vaccalluzzo Fatima della Dusty, alla quale ho comunicato che mi stato adoperando per realizzare il Progetto #SOSdifferenziAMOlaraccolta a scuola, la Sig.ra Vaccalluzzo si è offerta di portare qualche cartonato a scuola, cosa che ha fatto, consegnando precisamente n° 10 cartoni di forma cilindrica con la dicitura esterna “Raccolta Toner”, peraltro senza buste.
Pensate se con 10 scatole di cartone con fuori scritto “Raccolta TONER”, avendo da gestire oltre 54 classi per tutto l’Istituto Comprensivo, a cui bisogna aggiungere, uffici, laboratori e mense, potevamo raccogliere anche l’umido e indifferenziata in un edificio con un’enormità di tanti spazi, oltre 1000 alunni, nonchè il servizio mensa nei tre plessi su sei che compongono l’Istituto Comprensivo “1° Circolo”, e se quei contenitori di cartone, nemmeno rigidi, potevano sostituire i contenitori rigidi adeguati a raccogliere fra l’altro umido o indifferenziata, ad oggi mai consegnati.
Io dico la pura e sacrosanta verità, pertanto invito la Dusty o il Comune di Vibo Valentia ad esibire il Verbale di consegna di tutti i contenitori/mastelli per tipologia di rifiuti che mi avrebbero finora consegnato per adempiere alla raccolta di tutti i tipi di rifiuti, ma che in realtà, oltre a quelli per la carta, non mi sono mai stati consegnati. Ebbene, premesso quanto sopra, intendo ribadire che trovo giusto e corretto fare la differenziata ed è importante ed urgente per il bene dell’ambiente e della nostra comunità, e solo partendo con l’educazione degli alunni, fin da piccoli, possiamo auspicare di realizzare, ma al momento, in mancanza delle attrezzature necessarie, a cui deve aggiungersi la non abituale raccolta da parte dell’Azienda Dusty, è impossibile per le scuole poter adempiere alla raccolta senza avere avuto mai e dico mai consegnato il materiale adeguato per tutte le tipologie di rifiuti, (almeno ciò è riferito per la scuola che dirigo, se poi altre scuole l’hanno avuto, allora la cosa cambia e sarebbe da chiedersi perché la mia scuola in tal caso sarebbe stata discriminata).
La scuola non produce solo carta e cartone ed occorre avere i contenitori specifici per ogni tipologia di rifiuto, acquistati e distribuiti dall’Appaltatore per ogni ambiente scolastico.
Il problema di fondo poi è che manca la comunicazione, che io, invece, desidero fortemente, mentre, purtroppo mi ritrovo a sbattere contro un muro. Finora solo mancate risposte alle mie richieste formali.
Inoltre, cosa mai successa prima, da qualche mese questa Scuola ha perso pure la serenità, perché subisce intrusioni nel cortile scolastico, dove vengono effettuate fotografie e destabilizzazione del sereno adempimento del servizio pubblico che mi è stato interrotto diverse volte da persone qualificatesi come dipendenti Dusty che, invece di venire a scuola a constatare ciò che manca, ciò che serve e pianificare un piano di azioni necessarie, si introducono nei cortili scolastici per fotografare, creandomi stress e umiliazioni anche davanti ai passanti che transitano all’esterno del cortile e assistono sconcertati a ciò che ingiustamente accade.

Tutto ciò mi procura dolore e stress notevole, perché ingiusto. La scuola finora, pur nei disservizi creatisi dalla mancata fornitura dell’occorrente da parte della Dusty e dell’irregolarità della raccolta, ha intrapreso autonome iniziative educative, con grande impegno e dedizione mia e dei docenti che guidano gli alunni con impegno su molteplici attività, fra queste la raccolta dei rifiuti.
Praticamente finora non ho mai ricevuto da Dusty o Comune ciò che come da capitolato d’appalto pare dovesse essere consegnato e adempiuto per mettere la scuola in condizione di poter effettuare la raccolta differenziata, e devo pure subire un simile ed ingiusto trattamento? Assurdo. Tutto ciò mi crea stress ed è lesivo della serenità e immagine mia e della Scuola.
Ritengo fosse, invece, prodromico, avere con l’Assessore all’Ambiente e Dusty un incontro ricognitivo e sereno sui bisogni e criticità, e adempiere da parte di chi dovere a quanto previsto dal capitolato di appalto.
Dal 20 Dicembre 2019 al 11 Gennaio 2020, la Dusty non ha rimosso notevoli quantità di rifiuti che sono stati lasciati giacere nel Cortile della Scuola Primaria “Don Bosco”, e abitualmente per la rimozione dei rifiuti infinite volte ho dovuto telefonare e inviare messaggi whattssp ora a questo ora a quell’Assessore o Tecnico comunale, o dipendente Dusty, quasi a pietire un servizio dovuto.
Inoltre, aggiungo che la sede Centrale Primaria “Don Bosco” ha una grande utenza, nonchè ha la mensa, potete immaginare in una scuola con grandi numeri per l’utenza di quelle dimensioni, circa 500 alunni, cosa ogni giorno, anche per il servizio mensa si produca, e se pur gli alunni sono dotati di borraccia per l’attuazione di #plasticfree, tuttavia si genera grande quantità di umido, plastica e indifferenziata (perché residui di vettovaglie del servizio mensa), che non viene rimossa regolarmente da chi di dovere e giace a lungo nel cortile, creando rischi igienico-sanitari, anche perché i sacchi non rimossi spesso vengono strappati da animali randagi che accedono nel cortile.
Preciso, altresì, che i cassonetti posizionati un anno fa da Dusty nel cortile della Primaria “Don Bosco” sono alla mercè di chiunque, perché il cortile è accessibile giorno e notte da qualsiasi avventore esterno, visto che vi è l’accesso libero e incustodito anche dal retro parcheggio Garibaldi che porta fino a Via N. Proto, stessa cosa per altri plessi scolastici le cui pertinenze non sono chiuse (vedi Buccarelli), quindi, declino ogni responsabilità sul controllo esterno di cassonetti e rifiuti.
Chiunque, anche per far del male morale a me, o alla scuola, e addebitare ingiustamente errori non compiuti da questo Istituto Scolastico, potrebbe in maniera indisturbata gettare qualunque cosa sia nei cassonetti, che sulle pavimentazioni di erba o cemento, inscenando in maniera incontrollata inadempienze che la scuola non ha compiuto.
Giusto per chiarezza, la foto pubblicata sulla stampa accanto alle dichiarazioni dell’Assessore all’Ambiente, mostra la notevole quantità di rifiuti nel cortile “Don Bosco” dovuta al fatto sia che umido e indifferenziata vengono rimossi con cadenza settimanale decisamente inadeguata e insufficiente alla mole prodotta dalla grande utenza, sia perché dal 20 Dicembre 2019 al 11 Gennaio 2020 è rimasta per oltre 20 giorni lasciata ferma nel cortile, non rimossa.
Nella speranza che da domani per questa scuola vi sia l’inizio di una fattiva collaborazione con l’Assessorato all’Ambiente e la Dusty che aspetto a braccia aperte, chiedo con urgenza:
-un sopralluogo con tecnico del Comune di Vibo Valentia per verificare cosa finora ci è stato consegnato da Dusty e dal Comune e se quello che lui troverà in ogni ambiente (Aule, Uffici, Laboratori e Mense) possa essere nelle quantità necessarie e compatibile con le condizioni dell’adempimento della raccolta differenziata richiesta;
– la consegna in quantità adeguata ai sottoelencati spazi delle sedi scolastiche di:
– Contenitori rigidi adeguati per ogni elemento da raccogliere e di adeguate dimensioni;
– Carrellati;
– Sacchetti in mater–B per la raccolta dell’umido (mai consegnati finora);

SEDI SCOLASTICHE DI VIBO VALENTIA CENTRO

Infanzia

“Don Bosco”

n° 8

sezioni

n° 1 salone per giochi alunni

n° 2

bagni

Servono n° 4 carrelli per cortile

Primaria

“Don Bosco”

n° 23

classi

n° 1 Aula magna/Teatro

n° 3 Uffici (DS e Segreteria)

n° 1 Biblioteca

n° 1 Lab. Scientifico

n° 1 Lab. Cucina

n° 5 aule consumazione pasti

n° 1 Sala Musica

n° 1 Sala docenti

n° 2 Lab. Informatici

n° 1 Lab. Ceramica

n° 1 Palestra

n° 5

bagni

Primaria

“Affaccio-Buccarelli”

n° 10

classi

n° 1 Lab. Informatico

n° 1 Palestra

n°1 piccola aula da adibire a biblioteca/studio

n° 4

bagni

Servono n° 4 carrelli per cortile

– SEDI SCOLASTICHE DI VENA SUPERIORE (VV)

Infanzia “Carlo Collodi”

n° 4 sezioni

n° 1 salone mensa

n° 2 bagni

Servono n° 4 carrelli per cortile

Primaria “Don Milani”

n° 6 classi

n° 1 ingresso

n° 2 bagni

Servono n° 4 carrelli per cortile

Scuola Secondaria di I grado

N° 3 classi

n° 1 ingresso

n° 3 bagni

Chiedo, altresì, la consegna di:

– Calendari con orari e frequenze dei servizi forniti suddivisi per zone (con indicazione per ogni plesso scolastico a quale zona debba attenersi) e valutazione di adattamento con intensificazione della raccolta per umido, plastica e indifferenziata, almeno per le sedi con mensa scolastica i cui scarti non possono giacere per giorni senza ritiro;

– Dizionario dei rifiuti;

– Manifesti con immagini portanti;

– Materiale didattico per il Programma di educazione ambientale nelle scuole;

– Formazione ed educazione con esperti Dusty presso le varie sedi scolastiche del nostro Istituto Comprensivo;

– Realizzazione di eventi e giornate ecologiche.

Chiede, altresì, che sia effettuata:

Pulizia, potatura degli alberi ed il discerbamento delle aree di pertinenza delle scuole di questo Istituto Scolastico di competenza comunale, con mantenimento dell’erba a raso, visto che finora, a parte l’intervento effettuato nella prima decade di Settembre 2019, per mantenere puliti e in decoro i giardini scolastici ho dovuto adempiere abitualmente con i collaboratori scolastici, che si sono resi disponibili rendendo i giardini puliti e ordinati.
Sollecito, infine, l’Assessore all’Ambiente a convocare al più presto il Tavolo Tecnico con tutti i Presidi della Città, e nel frattempo lo invito a Scuola “Don Bosco” per Martedì 21 Gennaio 2020 ore 10:00, fatte salve sue esigenze che vorrà eventualmente comunicarmi, per un incontro sereno finalizzato a pianificare interventi idonei a superare le attuali criticità e calendarizzare buone pratiche di iniziative e quant’altro possa condurre ad obiettivi di condiviso bene comune.
Certa che da oggi inizierà una fattiva e rapida collaborazione, Porgo Distinti Saluti,
Il Dirigente Scolastico Prof.ssa Domenica Cacciatore

Condividi

Leave A Reply

object(WP_Post)#5134 (24) { ["ID"]=> int(52330) ["post_author"]=> string(1) "4" ["post_date"]=> string(19) "2020-01-14 13:02:24" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2020-01-14 12:02:24" ["post_content"]=> string(13388) "Se pur stamattina ho avuto modo di leggere l’articolo pubblicato da “Noi di Calabria”, giornale on-line, articolo del 14-01-2020, ore 08:00, in cui l’Assessore all’Ambiente del Comune di Vibo Valentia, Vincenzo Bruni, in merito alla “Differenziata nelle Scuole, ringrazia i Presidi”, e, certamente, apprezzo questa sua riflessione, che potrebbe spegnere le polemiche dei giorni scorsi, tuttavia, intendo fornire la replica in merito a quanto ho avuto modo di leggere negli articoli pubblicati da: Quotidiano della Calabria del 12-01-2020, pag. 15 di Vibo Gazzetta del Sud del 12-01-2020, pag. 34 di Vibo Noi di Calabria, giornale on-line, articolo del 10-01-2020, ore 08:31 Noi di Calabria, giornale on-line, articolo del 12-01-2020, ore 13:27 Preliminarmente esprimo la più profonda amarezza e sconcerto per quanto accaduto nei miei confronti, Dirigente Scolastico di questo Istituto Comprensivo, nonché della stessa Scuola, lesa ingiustamente nell’immagine e nella sua serenità, e respingo ogni addebito desumibile dalle dichiarazioni rese dall’Assessore Bruni, che peraltro è genitore di un alunno di questa scuola, ben conosce l’impegno e la dedizione infinita con cui da anni adempio alla dirigenza scolastica, e per anni abbiamo avuto ottimi rapporti di stima reciproca, che, tuttavia, continuo a nutrire nei suoi confronti, nonostante lo spiacevole accaduto che mi ha creato notevole sofferenza per l’ingiustizia che ho subito, e la non rispondenza su quanto dichiarato dall’Assessore, Certamente condivido che necessiti aver cura dell’ambiente, anzi è una delle tematiche inserite, altresì, nel nostro PTOF, per l’Educazione alla Cittadinanza, e che la formazione dell’educazione, alla cittadinanza ambientale e attiva, inizi fin dai primissimi anni di scuola e dev’essere attuata quale progetto molto importante che avrà una grande ricaduta su tutto il nostro territorio. Proprio per l’interesse che ho per la tematica, da anni chiedo inascoltata alle diverse Amministrazioni Comunali di Vibo Valentia, nonché a rappresentanti Dusty, che mi vengano forniti i materiali necessari per poter adempiere alla raccolta differenziata dei rifiuti a scuola, ma mai, finora nessuno ha riscontrato tali richieste formali, PEC, etc… di cui si ha documentazioni in atti. Più volte sono stati richiesti, altresì, interventi specifici di esperti Dusty per attuare informazione e sensibilizzazione di docenti, alunni e personale scolastico, ma un incontro soltanto è stato effettuato anni fa, mentre pare che dal programma Dusty dovesse avvenire a cadenza semestrale, cosa finora non adempiuta. Ad oggi gli unici contenitori/mastelli consegnati alla nostra scuola anni fa sono quelli per la carta che non sono contenitori e attrezzature necessarie all’adempimento di tutti i rifiuti dalla scuola prodotti. Mai forniti finora buste per la raccolta dell’umido o altro, né da Dusty, né dal Comune. Solo di recente, intorno a metà Dicembre 2019, avendo avuto contatti telefonici con la Sig.ra Vaccalluzzo Fatima della Dusty, alla quale ho comunicato che mi stato adoperando per realizzare il Progetto #SOSdifferenziAMOlaraccolta a scuola, la Sig.ra Vaccalluzzo si è offerta di portare qualche cartonato a scuola, cosa che ha fatto, consegnando precisamente n° 10 cartoni di forma cilindrica con la dicitura esterna “Raccolta Toner”, peraltro senza buste. Pensate se con 10 scatole di cartone con fuori scritto “Raccolta TONER”, avendo da gestire oltre 54 classi per tutto l’Istituto Comprensivo, a cui bisogna aggiungere, uffici, laboratori e mense, potevamo raccogliere anche l'umido e indifferenziata in un edificio con un'enormità di tanti spazi, oltre 1000 alunni, nonchè il servizio mensa nei tre plessi su sei che compongono l’Istituto Comprensivo “1° Circolo”, e se quei contenitori di cartone, nemmeno rigidi, potevano sostituire i contenitori rigidi adeguati a raccogliere fra l’altro umido o indifferenziata, ad oggi mai consegnati. Io dico la pura e sacrosanta verità, pertanto invito la Dusty o il Comune di Vibo Valentia ad esibire il Verbale di consegna di tutti i contenitori/mastelli per tipologia di rifiuti che mi avrebbero finora consegnato per adempiere alla raccolta di tutti i tipi di rifiuti, ma che in realtà, oltre a quelli per la carta, non mi sono mai stati consegnati. Ebbene, premesso quanto sopra, intendo ribadire che trovo giusto e corretto fare la differenziata ed è importante ed urgente per il bene dell'ambiente e della nostra comunità, e solo partendo con l’educazione degli alunni, fin da piccoli, possiamo auspicare di realizzare, ma al momento, in mancanza delle attrezzature necessarie, a cui deve aggiungersi la non abituale raccolta da parte dell’Azienda Dusty, è impossibile per le scuole poter adempiere alla raccolta senza avere avuto mai e dico mai consegnato il materiale adeguato per tutte le tipologie di rifiuti, (almeno ciò è riferito per la scuola che dirigo, se poi altre scuole l'hanno avuto, allora la cosa cambia e sarebbe da chiedersi perché la mia scuola in tal caso sarebbe stata discriminata). La scuola non produce solo carta e cartone ed occorre avere i contenitori specifici per ogni tipologia di rifiuto, acquistati e distribuiti dall’Appaltatore per ogni ambiente scolastico. Il problema di fondo poi è che manca la comunicazione, che io, invece, desidero fortemente, mentre, purtroppo mi ritrovo a sbattere contro un muro. Finora solo mancate risposte alle mie richieste formali. Inoltre, cosa mai successa prima, da qualche mese questa Scuola ha perso pure la serenità, perché subisce intrusioni nel cortile scolastico, dove vengono effettuate fotografie e destabilizzazione del sereno adempimento del servizio pubblico che mi è stato interrotto diverse volte da persone qualificatesi come dipendenti Dusty che, invece di venire a scuola a constatare ciò che manca, ciò che serve e pianificare un piano di azioni necessarie, si introducono nei cortili scolastici per fotografare, creandomi stress e umiliazioni anche davanti ai passanti che transitano all’esterno del cortile e assistono sconcertati a ciò che ingiustamente accade. Tutto ciò mi procura dolore e stress notevole, perché ingiusto. La scuola finora, pur nei disservizi creatisi dalla mancata fornitura dell’occorrente da parte della Dusty e dell’irregolarità della raccolta, ha intrapreso autonome iniziative educative, con grande impegno e dedizione mia e dei docenti che guidano gli alunni con impegno su molteplici attività, fra queste la raccolta dei rifiuti. Praticamente finora non ho mai ricevuto da Dusty o Comune ciò che come da capitolato d’appalto pare dovesse essere consegnato e adempiuto per mettere la scuola in condizione di poter effettuare la raccolta differenziata, e devo pure subire un simile ed ingiusto trattamento? Assurdo. Tutto ciò mi crea stress ed è lesivo della serenità e immagine mia e della Scuola. Ritengo fosse, invece, prodromico, avere con l’Assessore all’Ambiente e Dusty un incontro ricognitivo e sereno sui bisogni e criticità, e adempiere da parte di chi dovere a quanto previsto dal capitolato di appalto. Dal 20 Dicembre 2019 al 11 Gennaio 2020, la Dusty non ha rimosso notevoli quantità di rifiuti che sono stati lasciati giacere nel Cortile della Scuola Primaria “Don Bosco”, e abitualmente per la rimozione dei rifiuti infinite volte ho dovuto telefonare e inviare messaggi whattssp ora a questo ora a quell’Assessore o Tecnico comunale, o dipendente Dusty, quasi a pietire un servizio dovuto. Inoltre, aggiungo che la sede Centrale Primaria “Don Bosco” ha una grande utenza, nonchè ha la mensa, potete immaginare in una scuola con grandi numeri per l'utenza di quelle dimensioni, circa 500 alunni, cosa ogni giorno, anche per il servizio mensa si produca, e se pur gli alunni sono dotati di borraccia per l’attuazione di #plasticfree, tuttavia si genera grande quantità di umido, plastica e indifferenziata (perché residui di vettovaglie del servizio mensa), che non viene rimossa regolarmente da chi di dovere e giace a lungo nel cortile, creando rischi igienico-sanitari, anche perché i sacchi non rimossi spesso vengono strappati da animali randagi che accedono nel cortile. Preciso, altresì, che i cassonetti posizionati un anno fa da Dusty nel cortile della Primaria “Don Bosco” sono alla mercè di chiunque, perché il cortile è accessibile giorno e notte da qualsiasi avventore esterno, visto che vi è l’accesso libero e incustodito anche dal retro parcheggio Garibaldi che porta fino a Via N. Proto, stessa cosa per altri plessi scolastici le cui pertinenze non sono chiuse (vedi Buccarelli), quindi, declino ogni responsabilità sul controllo esterno di cassonetti e rifiuti. Chiunque, anche per far del male morale a me, o alla scuola, e addebitare ingiustamente errori non compiuti da questo Istituto Scolastico, potrebbe in maniera indisturbata gettare qualunque cosa sia nei cassonetti, che sulle pavimentazioni di erba o cemento, inscenando in maniera incontrollata inadempienze che la scuola non ha compiuto. Giusto per chiarezza, la foto pubblicata sulla stampa accanto alle dichiarazioni dell’Assessore all’Ambiente, mostra la notevole quantità di rifiuti nel cortile “Don Bosco” dovuta al fatto sia che umido e indifferenziata vengono rimossi con cadenza settimanale decisamente inadeguata e insufficiente alla mole prodotta dalla grande utenza, sia perché dal 20 Dicembre 2019 al 11 Gennaio 2020 è rimasta per oltre 20 giorni lasciata ferma nel cortile, non rimossa. Nella speranza che da domani per questa scuola vi sia l’inizio di una fattiva collaborazione con l’Assessorato all’Ambiente e la Dusty che aspetto a braccia aperte, chiedo con urgenza: -un sopralluogo con tecnico del Comune di Vibo Valentia per verificare cosa finora ci è stato consegnato da Dusty e dal Comune e se quello che lui troverà in ogni ambiente (Aule, Uffici, Laboratori e Mense) possa essere nelle quantità necessarie e compatibile con le condizioni dell’adempimento della raccolta differenziata richiesta; - la consegna in quantità adeguata ai sottoelencati spazi delle sedi scolastiche di: - Contenitori rigidi adeguati per ogni elemento da raccogliere e di adeguate dimensioni; - Carrellati; - Sacchetti in mater–B per la raccolta dell’umido (mai consegnati finora); SEDI SCOLASTICHE DI VIBO VALENTIA CENTRO Infanzia “Don Bosco” n° 8 sezioni n° 1 salone per giochi alunni n° 2 bagni Servono n° 4 carrelli per cortile Primaria “Don Bosco” n° 23 classi n° 1 Aula magna/Teatro n° 3 Uffici (DS e Segreteria) n° 1 Biblioteca n° 1 Lab. Scientifico n° 1 Lab. Cucina n° 5 aule consumazione pasti n° 1 Sala Musica n° 1 Sala docenti n° 2 Lab. Informatici n° 1 Lab. Ceramica n° 1 Palestra n° 5 bagni Primaria “Affaccio-Buccarelli” n° 10 classi n° 1 Lab. Informatico n° 1 Palestra n°1 piccola aula da adibire a biblioteca/studio n° 4 bagni Servono n° 4 carrelli per cortile - SEDI SCOLASTICHE DI VENA SUPERIORE (VV) Infanzia “Carlo Collodi” n° 4 sezioni n° 1 salone mensa n° 2 bagni Servono n° 4 carrelli per cortile Primaria “Don Milani” n° 6 classi n° 1 ingresso n° 2 bagni Servono n° 4 carrelli per cortile Scuola Secondaria di I grado N° 3 classi n° 1 ingresso n° 3 bagni Chiedo, altresì, la consegna di: - Calendari con orari e frequenze dei servizi forniti suddivisi per zone (con indicazione per ogni plesso scolastico a quale zona debba attenersi) e valutazione di adattamento con intensificazione della raccolta per umido, plastica e indifferenziata, almeno per le sedi con mensa scolastica i cui scarti non possono giacere per giorni senza ritiro; - Dizionario dei rifiuti; - Manifesti con immagini portanti; - Materiale didattico per il Programma di educazione ambientale nelle scuole; - Formazione ed educazione con esperti Dusty presso le varie sedi scolastiche del nostro Istituto Comprensivo; - Realizzazione di eventi e giornate ecologiche. Chiede, altresì, che sia effettuata: Pulizia, potatura degli alberi ed il discerbamento delle aree di pertinenza delle scuole di questo Istituto Scolastico di competenza comunale, con mantenimento dell’erba a raso, visto che finora, a parte l’intervento effettuato nella prima decade di Settembre 2019, per mantenere puliti e in decoro i giardini scolastici ho dovuto adempiere abitualmente con i collaboratori scolastici, che si sono resi disponibili rendendo i giardini puliti e ordinati. Sollecito, infine, l’Assessore all’Ambiente a convocare al più presto il Tavolo Tecnico con tutti i Presidi della Città, e nel frattempo lo invito a Scuola “Don Bosco” per Martedì 21 Gennaio 2020 ore 10:00, fatte salve sue esigenze che vorrà eventualmente comunicarmi, per un incontro sereno finalizzato a pianificare interventi idonei a superare le attuali criticità e calendarizzare buone pratiche di iniziative e quant’altro possa condurre ad obiettivi di condiviso bene comune. Certa che da oggi inizierà una fattiva e rapida collaborazione, Porgo Distinti Saluti, Il Dirigente Scolastico Prof.ssa Domenica Cacciatore" ["post_title"]=> string(76) "Differenziata nelle scuole, la replica della dirigente scolastica Cacciatore" ["post_excerpt"]=> string(0) "" ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(4) "open" ["ping_status"]=> string(4) "open" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(75) "differenziata-nelle-scuole-la-replica-della-dirigente-scolastica-cacciatore" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2020-01-14 15:42:37" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2020-01-14 14:42:37" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(37) "https://www.noidicalabria.it/?p=52330" ["menu_order"]=> int(0) ["post_type"]=> string(4) "post" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" }