“Continua ad estendersi il divario tra Nord e Sud – scrive in una nota il Presidente Nazionale dell’U.Di.Con. Denis Nesci – dall’ultimo rapporto Svimez emerge che la strada che il Sud deve percorrere per avvicinarsi alle cifre dell’occupazione del Nord è ancora molto lunga. Infatti, da dati emersi nel rapporto, i primi sei mesi del 2019 segnano una crescita occupazionale del Nord pari a +137.000, a fronte di un calo drastico del Sud Italia di -27.000. Il Bel Paese si allontana dalla media europea e sembra non riuscire a recuperare i livelli pre crisi. Numeri raccapriccianti, dal 2000 più di 2 milioni di abitanti hanno lasciato il Sud, che continueranno a portare milioni di giovani meridionali ad abbandonare la propria terra per cercare un’occupazione altrove. L’aumento del gap occupazionale è aumentato di 2 punti percentuali negli ultimi dieci anni – continua Nesci – ed è molto grave la prospettiva di crescita del Paese del prossimo anno. L’intero Paese, infatti, vivrà una debole ripresa, pari allo 0,6% ma il Mezzogiorno crescerà non oltre lo 0,2%. E’ preoccupante la diminuzione nel Meridione nelle spese in formazione e ricerca e sviluppo che continua a segnare aumenti dell’abbandono precoce del percorso di formazione. Ma non solo, in quanto altri campanelli d’allarme scattano a causa della carenza dei servizi sanitari, che porta ad un’emigrazione verso il Nord di tutti quei cittadini che hanno bisogno di ricorrere alle cure. I dati che destano più preoccupazione, però, sono quelli riguardanti il ristagno dei consumi – incalza Nesci – in particolare il Nord sembra aver recuperato i livelli precedenti alla crisi, mentre al Sud i consumi risultano ancora in negativo, pari al -9%, con evidenti riduzioni dei consumi privati delle famiglie, specie quelli alimentari che continuano a calare. Bisogna lavorare per far sì che i giovani restino nella loro terra e facciano fruttare l’economia del Meridione, terra ricca di risorse ma senza incentivi da parte delle Istituzioni che si nascondono dietro un dito. Il Governo dovrebbe supportare gli abitanti del Sud – conclude Nesci – effettuando degli investimenti che possano incentivare sia l’occupazione al Sud e limitare questo fenomeno migratorio cui sono costretti molti giovani ma non solo, sia i consumi delle famiglie, in modo tale da eliminare la classificazione che, per forza di cose, si è creata tra Consumatori di Serie A e Consumatori di Serie B”.

Condividi

Leave A Reply

object(WP_Post)#5108 (24) { ["ID"]=> int(44821) ["post_author"]=> string(1) "4" ["post_date"]=> string(19) "2019-11-04 12:43:11" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2019-11-04 11:43:11" ["post_content"]=> string(2484) "“Continua ad estendersi il divario tra Nord e Sud – scrive in una nota il Presidente Nazionale dell’U.Di.Con. Denis Nesci – dall’ultimo rapporto Svimez emerge che la strada che il Sud deve percorrere per avvicinarsi alle cifre dell’occupazione del Nord è ancora molto lunga. Infatti, da dati emersi nel rapporto, i primi sei mesi del 2019 segnano una crescita occupazionale del Nord pari a +137.000, a fronte di un calo drastico del Sud Italia di -27.000. Il Bel Paese si allontana dalla media europea e sembra non riuscire a recuperare i livelli pre crisi. Numeri raccapriccianti, dal 2000 più di 2 milioni di abitanti hanno lasciato il Sud, che continueranno a portare milioni di giovani meridionali ad abbandonare la propria terra per cercare un’occupazione altrove. L’aumento del gap occupazionale è aumentato di 2 punti percentuali negli ultimi dieci anni – continua Nesci – ed è molto grave la prospettiva di crescita del Paese del prossimo anno. L’intero Paese, infatti, vivrà una debole ripresa, pari allo 0,6% ma il Mezzogiorno crescerà non oltre lo 0,2%. E’ preoccupante la diminuzione nel Meridione nelle spese in formazione e ricerca e sviluppo che continua a segnare aumenti dell’abbandono precoce del percorso di formazione. Ma non solo, in quanto altri campanelli d’allarme scattano a causa della carenza dei servizi sanitari, che porta ad un’emigrazione verso il Nord di tutti quei cittadini che hanno bisogno di ricorrere alle cure. I dati che destano più preoccupazione, però, sono quelli riguardanti il ristagno dei consumi – incalza Nesci - in particolare il Nord sembra aver recuperato i livelli precedenti alla crisi, mentre al Sud i consumi risultano ancora in negativo, pari al -9%, con evidenti riduzioni dei consumi privati delle famiglie, specie quelli alimentari che continuano a calare. Bisogna lavorare per far sì che i giovani restino nella loro terra e facciano fruttare l’economia del Meridione, terra ricca di risorse ma senza incentivi da parte delle Istituzioni che si nascondono dietro un dito. Il Governo dovrebbe supportare gli abitanti del Sud – conclude Nesci - effettuando degli investimenti che possano incentivare sia l’occupazione al Sud e limitare questo fenomeno migratorio cui sono costretti molti giovani ma non solo, sia i consumi delle famiglie, in modo tale da eliminare la classificazione che, per forza di cose, si è creata tra Consumatori di Serie A e Consumatori di Serie B”. " ["post_title"]=> string(78) "Divario Nord vs Sud, U.Di.Con: “L’incolmabile gap continua ad aumentare”" ["post_excerpt"]=> string(0) "" ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(4) "open" ["ping_status"]=> string(4) "open" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(67) "divario-nord-vs-sud-u-di-con-lincolmabile-gap-continua-ad-aumentare" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2019-11-04 12:14:16" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2019-11-04 11:14:16" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(37) "https://www.noidicalabria.it/?p=44821" ["menu_order"]=> int(0) ["post_type"]=> string(4) "post" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" }