MAIERATO – Ufficiale: l’amministrazione comunale guidata fino a oggi dal sindaco Danilo Silvaggio si può ritenere decaduta. Il decreto di scioglimento porta, naturalmente, la firma del prefetto di Vibo Valentia Francesco Zito, che questo pomeriggio ha provveduto anche a nominare il viceprefetto aggiunto Manuela Curr à commissario prefettizio per la provvisoria gestione dell’Ente, con i poteri del sindaco, della giunta e del Consiglio.

La decisione del primo inquilino di Palazzo Rizzuti, dopo che nella giornata di ieri gran parte dei consiglieri in carica avevano presentato le proprie dimissioni.
Zito ha, infatti, preso atto della nota, di oggi 9 luglio, del segretario comunale Stefania Bondini, nella quale – scrive il prefetto – ‘viene confermata la circostanza per cui la dimissioni sono state presentate personalmente e contestualmente’.

E poiché tali ‘dimissioni sono irrevocabili, le stesse sono, altresì, immediatamente efficaci’. Il prefetto fa poi presente che, ‘per effetto delle anzidette dimissioni, il consiglio comunale si trova nell’impossibilit à di assicurare il normale funzionamento degli organi e dei servizi, avendo perso oltre la met à dei membri assegnati’ e, pertanto, ‘si configura l’ipotesi dissolutoria prevista dall’articolo 141, comma I, del Decreto legislativo numero 267/2000. E, quindi, ricorrono i presupposti per avviare la procedura di scioglimento del consiglio comunale’.

Ravvisata pertanto, da parte del prefetto, ‘la grave e urgente necessit à di assicurare, nelle more della definizione del procedimento di scioglimento del consiglio comunale, il normale funzionamento degli organi e dei servizi, nonché lo svolgimento dell’attivit à amministrativa del Comune di Maierato’. Ecco perché serve ‘procedere – si legge nel decreto di Zito – alla sospensione del consiglio comunale e alla nomina di un commissario prefettizio per la provvisoria gestione dell’Ente’.

Per tali ragioni, il consiglio comunale di Maierato ‘è sospeso con effetto immediato fino all’emanazione – chiude il documento prefettizio – del relativo decreto di scioglimento da parte del Presidente della Repubblica e, comunque, per un periodo non superiore a novanta giorni’.

Condividi

Leave A Reply

object(WP_Post)#5230 (24) { ["ID"]=> int(34419) ["post_author"]=> string(1) "4" ["post_date"]=> string(19) "2019-07-09 00:00:00" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2019-07-08 22:00:00" ["post_content"]=> string(2245) "

MAIERATO - Ufficiale: l'amministrazione comunale guidata fino a oggi dal sindaco Danilo Silvaggio si può ritenere decaduta. Il decreto di scioglimento porta, naturalmente, la firma del prefetto di Vibo Valentia Francesco Zito, che questo pomeriggio ha provveduto anche a nominare il viceprefetto aggiunto Manuela Curr à commissario prefettizio per la provvisoria gestione dell'Ente, con i poteri del sindaco, della giunta e del Consiglio.

La decisione del primo inquilino di Palazzo Rizzuti, dopo che nella giornata di ieri gran parte dei consiglieri in carica avevano presentato le proprie dimissioni.
Zito ha, infatti, preso atto della nota, di oggi 9 luglio, del segretario comunale Stefania Bondini, nella quale - scrive il prefetto - 'viene confermata la circostanza per cui la dimissioni sono state presentate personalmente e contestualmente'.

E poiché tali 'dimissioni sono irrevocabili, le stesse sono, altresì, immediatamente efficaci'. Il prefetto fa poi presente che, 'per effetto delle anzidette dimissioni, il consiglio comunale si trova nell'impossibilit à di assicurare il normale funzionamento degli organi e dei servizi, avendo perso oltre la met à dei membri assegnati' e, pertanto, 'si configura l'ipotesi dissolutoria prevista dall'articolo 141, comma I, del Decreto legislativo numero 267/2000. E, quindi, ricorrono i presupposti per avviare la procedura di scioglimento del consiglio comunale'.

Ravvisata pertanto, da parte del prefetto, 'la grave e urgente necessit à di assicurare, nelle more della definizione del procedimento di scioglimento del consiglio comunale, il normale funzionamento degli organi e dei servizi, nonché lo svolgimento dell'attivit à amministrativa del Comune di Maierato'. Ecco perché serve 'procedere - si legge nel decreto di Zito - alla sospensione del consiglio comunale e alla nomina di un commissario prefettizio per la provvisoria gestione dell'Ente'.

Per tali ragioni, il consiglio comunale di Maierato 'è sospeso con effetto immediato fino all'emanazione - chiude il documento prefettizio - del relativo decreto di scioglimento da parte del Presidente della Repubblica e, comunque, per un periodo non superiore a novanta giorni'.

" ["post_title"]=> string(78) "Il prefetto Zito firma il decreto e sospende il consiglio comunale di Maierato" ["post_excerpt"]=> string(62) "La decisione dopo le dimissioni di larga parte dei consiglieri" ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(4) "open" ["ping_status"]=> string(4) "open" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(78) "il-prefetto-zito-firma-il-decreto-e-sospende-il-consiglio-comunale-di-maierato" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2019-07-09 00:00:00" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2019-07-08 22:00:00" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(107) "https://www.noidicalabria.it/il-prefetto-zito-firma-il-decreto-e-sospende-il-consiglio-comunale-di-maierato/" ["menu_order"]=> int(0) ["post_type"]=> string(4) "post" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" }