Tramite il proprio profilo facebook l’artista Luca Viapiana, di recente impegnato al Materia Indipendent Design Festival col suo “mercante in fiera”, ha voluto denunciare l’impossibilità per chi si trovi in una situazione di inagibilità motoria di poter visionare completamente la mostra del celebre maestro Gaetano Zampogna:
«Ciao a tutti, ieri sono stato al MARCA (Museo delle Arti di Catanzaro) per visitare la mostra di Gaetano Zampogna, ma l’idea che mi son fatto dell’esposizione è del tutto parziale perchè, essendo io in sedia a rotelle, ho potuto prenderne visione solo per metà».
La mostra antologica di Zampogna, dal titolo ‘Il corpo dell’Arte’ sarà godibile fino al 22 novembre presso gli spazi espositivi del museo MARCA in Catanzaro, ma evidentemente, non accessibile a tutti.
Infatti, – continua l’artista catanzarese che vanta collaborazioni importanti come quella col critico d’arte Vittorio Sgarbi – «la mostra si snoda su livelli sfalsati collegati tramite gradini, per cui l’accesso in carrozzina alle sale più basse dovrebbe effettuarsi tramite una piccola stanza che porta ad una rampa. Purtroppo, qualcuno ha pensato bene di riempire questa stanzetta come un uovo, usandola per stivare materiali di varia natura, ingombranti e inamovibili. Il gentile personale addetto all’accoglienza, che ha notato la cosa solo al momento, non aveva idea di chi potesse essere stato, così come gli addetti alla sicurezza, che sono caduti dalle nuvole».
Non si hanno notizie di chi abbia causato questo impedimento e grave nocumento ai cittadini portatori di handicap di poter assistere completamente alla mostra. La denuncia di Viapiana, – che ha esposto le sue opere anche a New York – si conclude con un messaggio di apertura finalizzato nella possibilità che questa segnalazione possa concludersi in un lieto fine:
«Trovo pertanto doveroso segnalare, e non lo faccio solo per chi è in sedia ma anche e forse soprattutto per chi vive da normodotato e in genere neanche nota queste grossolane mancanze di rispetto, che nelle algide sale della magnifica struttura del MARCA si aggira un fantasma dal ghigno birbante che ama occludere gli accessi per disabili. Occhio».
Fiduciosi che si possa al più presto risolvere questa infelice storia, sensibilizzando al rispetto chi di dovere, riporteremo gli eventuali aggiornamenti.

Condividi

Leave A Reply

object(WP_Post)#5108 (24) { ["ID"]=> int(44104) ["post_author"]=> string(1) "9" ["post_date"]=> string(19) "2019-10-29 10:33:15" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2019-10-29 09:33:15" ["post_content"]=> string(2741) "Tramite il proprio profilo facebook l’artista Luca Viapiana, di recente impegnato al Materia Indipendent Design Festival col suo “mercante in fiera”, ha voluto denunciare l’impossibilità per chi si trovi in una situazione di inagibilità motoria di poter visionare completamente la mostra del celebre maestro Gaetano Zampogna: «Ciao a tutti, ieri sono stato al MARCA (Museo delle Arti di Catanzaro) per visitare la mostra di Gaetano Zampogna, ma l’idea che mi son fatto dell’esposizione è del tutto parziale perchè, essendo io in sedia a rotelle, ho potuto prenderne visione solo per metà». La mostra antologica di Zampogna, dal titolo ‘Il corpo dell’Arte’ sarà godibile fino al 22 novembre presso gli spazi espositivi del museo MARCA in Catanzaro, ma evidentemente, non accessibile a tutti. Infatti, - continua l’artista catanzarese che vanta collaborazioni importanti come quella col critico d’arte Vittorio Sgarbi - «la mostra si snoda su livelli sfalsati collegati tramite gradini, per cui l’accesso in carrozzina alle sale più basse dovrebbe effettuarsi tramite una piccola stanza che porta ad una rampa. Purtroppo, qualcuno ha pensato bene di riempire questa stanzetta come un uovo, usandola per stivare materiali di varia natura, ingombranti e inamovibili. Il gentile personale addetto all’accoglienza, che ha notato la cosa solo al momento, non aveva idea di chi potesse essere stato, così come gli addetti alla sicurezza, che sono caduti dalle nuvole». Non si hanno notizie di chi abbia causato questo impedimento e grave nocumento ai cittadini portatori di handicap di poter assistere completamente alla mostra. La denuncia di Viapiana, - che ha esposto le sue opere anche a New York – si conclude con un messaggio di apertura finalizzato nella possibilità che questa segnalazione possa concludersi in un lieto fine: «Trovo pertanto doveroso segnalare, e non lo faccio solo per chi è in sedia ma anche e forse soprattutto per chi vive da normodotato e in genere neanche nota queste grossolane mancanze di rispetto, che nelle algide sale della magnifica struttura del MARCA si aggira un fantasma dal ghigno birbante che ama occludere gli accessi per disabili. Occhio». Fiduciosi che si possa al più presto risolvere questa infelice storia, sensibilizzando al rispetto chi di dovere, riporteremo gli eventuali aggiornamenti. " ["post_title"]=> string(97) "La denuncia dell’artista Viapiana: "Per i disabili, impossibile visitare la mostra di Zampogna"" ["post_excerpt"]=> string(0) "" ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(4) "open" ["ping_status"]=> string(4) "open" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(90) "la-denuncia-dellartista-viapiana-per-i-disabili-impossibile-visitare-la-mostra-di-zampogna" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2019-10-29 10:33:15" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2019-10-29 09:33:15" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(37) "https://www.noidicalabria.it/?p=44104" ["menu_order"]=> int(0) ["post_type"]=> string(4) "post" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" }