Top Volley Cisterna-Tonno Callipo VV 2-3
(22-25, 26-28, 25-18, 25-23, 15-17)

Cisterna: Peslac, Szwarc 12, Cavaccini (L), Van Garderen 12, Sottile 1, Patry 24, Karliztek 4, Elia 1, Rossi 11, Palacios 6, Rondoni (L2), Rossato ne, Onwuelo. All. Tubertini
Vibo Valentia: Mengozzi 5, Marsili ne, Aboubacar 14, Vitelli 1, Ngapeth 7, Carle 9, Chinenyeze 12, Rizzo (L), Sardanelli (L2), Baranowicz 1, Pierotti, Hirsh 14, Defalco 16. All. Cichello
Arbitri: Piana e Saltalippi
Spettatori: 911

CISTERNA DI LATINA – Arrivare a toccare il cielo, per poi scendere all’inferno e poi risalire di nuovo. È stato questo l’andamento della Tonno Callipo, che a Cisterna di Latina va in vantaggio 2-0, poi si fa rimontare clamorosamente 2-2 e infine in un tie break giocato punto a punto la spunta solo ai vantaggi.
Vibo schiera il sestetto che è sceso in campo mercoledì con Milano e parte subito forte, conquistando un break che risulterà poi fondamentale per la conquista del parziale. Il primo solco i giallorossi lo scavano sull’8-6 e lo mantiene fino al 21-19. In casa Cisterna si infortuna Patry, che ricadendo da un muro cade pesantemente sulla schiena, al suo posto entra Onwuelo. Vibo è concentrata e si porta a casa il set.
Nel secondo parziale ancora Onwuelo in campo, ma Vibo sembra in palla e conquista un vantaggio di 4 punti (8-4, 16-14). Tubertini rimette in campo Patry, che da una scossa ai compagni e accorcia le distanze, impattando poi sul 24-24. Si gioca a viso aperto, ma alla fine a spuntare è ancora Vibo.
Il terzo set è un monologo dei padroni di casa, che grazie soprattutto alla battuta vanno avanti (8-5 e 16-9). I giallorossi sembrano annichiliti, Cisterna allunga ancora (21-11) e nonostante gli ospiti provino una reazione, si chiude 25-18 per Patry e compagni.
Il quarto set è un suicidio sportivo dei vibonesi. Avanti per tutto il parziale anche di quattro lunghezze, si fa rimontare sul 23-23 e riesce a perderlo 25-23.
Il tie break è molto equilibrato. Cichello mette in campo Ngapeth e Hirsh per Carle e Aboubacar e al cambio campo (8-7) sono i padroni di casa ad essere avanti. Vibo non ci sta e con molta pazienza pareggia e si porta in vantaggio (12-11); ci pensa Carle a chiudere con un muro set e match.
Molto contento a fine partita l’opposto tedesco Hirsh:”Finalmente abbiamo preso qualche punto in più. È stata una partita molto dura, ma sono veramente contento per la squadra, la società e i tifosi, anche se sappiamo che ci aspettato altre due partite difficili con Monza e Modena”.
Dopo i primi due set c’è stato un calo netto, che Hirsh prova a spiegare così:”Nel terzo set loro hanno battuto veramente forte, mettendo in grande difficoltà la nostra ricezione e noi abbiamo smesso di giocare e questo non deve accadere. Nel quarto invece credo che entrambe le squadre abbiano giocato bene e quindi ci poteva stare perdere alla fine”.
Il tedesco non si pone obiettivi personali:”A me non interessa se parto titolare o meno. Quello che è importante è vincere e devo farmi trovare sempre pronto per dare il mio contributo”.

Condividi

Leave A Reply

object(WP_Post)#5134 (24) { ["ID"]=> int(49154) ["post_author"]=> string(2) "10" ["post_date"]=> string(19) "2019-12-09 08:21:22" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2019-12-09 07:21:22" ["post_content"]=> string(3113) "Top Volley Cisterna-Tonno Callipo VV 2-3 (22-25, 26-28, 25-18, 25-23, 15-17) Cisterna: Peslac, Szwarc 12, Cavaccini (L), Van Garderen 12, Sottile 1, Patry 24, Karliztek 4, Elia 1, Rossi 11, Palacios 6, Rondoni (L2), Rossato ne, Onwuelo. All. Tubertini Vibo Valentia: Mengozzi 5, Marsili ne, Aboubacar 14, Vitelli 1, Ngapeth 7, Carle 9, Chinenyeze 12, Rizzo (L), Sardanelli (L2), Baranowicz 1, Pierotti, Hirsh 14, Defalco 16. All. Cichello Arbitri: Piana e Saltalippi Spettatori: 911 CISTERNA DI LATINA – Arrivare a toccare il cielo, per poi scendere all’inferno e poi risalire di nuovo. È stato questo l’andamento della Tonno Callipo, che a Cisterna di Latina va in vantaggio 2-0, poi si fa rimontare clamorosamente 2-2 e infine in un tie break giocato punto a punto la spunta solo ai vantaggi. Vibo schiera il sestetto che è sceso in campo mercoledì con Milano e parte subito forte, conquistando un break che risulterà poi fondamentale per la conquista del parziale. Il primo solco i giallorossi lo scavano sull’8-6 e lo mantiene fino al 21-19. In casa Cisterna si infortuna Patry, che ricadendo da un muro cade pesantemente sulla schiena, al suo posto entra Onwuelo. Vibo è concentrata e si porta a casa il set. Nel secondo parziale ancora Onwuelo in campo, ma Vibo sembra in palla e conquista un vantaggio di 4 punti (8-4, 16-14). Tubertini rimette in campo Patry, che da una scossa ai compagni e accorcia le distanze, impattando poi sul 24-24. Si gioca a viso aperto, ma alla fine a spuntare è ancora Vibo. Il terzo set è un monologo dei padroni di casa, che grazie soprattutto alla battuta vanno avanti (8-5 e 16-9). I giallorossi sembrano annichiliti, Cisterna allunga ancora (21-11) e nonostante gli ospiti provino una reazione, si chiude 25-18 per Patry e compagni. Il quarto set è un suicidio sportivo dei vibonesi. Avanti per tutto il parziale anche di quattro lunghezze, si fa rimontare sul 23-23 e riesce a perderlo 25-23. Il tie break è molto equilibrato. Cichello mette in campo Ngapeth e Hirsh per Carle e Aboubacar e al cambio campo (8-7) sono i padroni di casa ad essere avanti. Vibo non ci sta e con molta pazienza pareggia e si porta in vantaggio (12-11); ci pensa Carle a chiudere con un muro set e match. Molto contento a fine partita l’opposto tedesco Hirsh:”Finalmente abbiamo preso qualche punto in più. È stata una partita molto dura, ma sono veramente contento per la squadra, la società e i tifosi, anche se sappiamo che ci aspettato altre due partite difficili con Monza e Modena”. Dopo i primi due set c’è stato un calo netto, che Hirsh prova a spiegare così:”Nel terzo set loro hanno battuto veramente forte, mettendo in grande difficoltà la nostra ricezione e noi abbiamo smesso di giocare e questo non deve accadere. Nel quarto invece credo che entrambe le squadre abbiano giocato bene e quindi ci poteva stare perdere alla fine”. Il tedesco non si pone obiettivi personali:”A me non interessa se parto titolare o meno. Quello che è importante è vincere e devo farmi trovare sempre pronto per dare il mio contributo”. " ["post_title"]=> string(36) "La Tonno Callipo torna alla vittoria" ["post_excerpt"]=> string(0) "" ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(4) "open" ["ping_status"]=> string(4) "open" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(36) "la-tonno-callipo-torna-alla-vittoria" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2019-12-09 07:23:26" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2019-12-09 06:23:26" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(37) "https://www.noidicalabria.it/?p=49154" ["menu_order"]=> int(0) ["post_type"]=> string(4) "post" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" }