Catanzaro – Il capitano dei giallorossi, Mattia Maita – 140 presenze con la maglia delle aquile (comprese Coppa Italia, play-off e play-out) – ha firmato un triennale con la società di via Gioacchino da Fiore chiudendo la querelle sulla permanenza e mettendo il punto definitivo su quelle voci di mercato che quest’estate lo vedevano lontano dal capoluogo calabrese. Andiamo per ordine, ricostruendo una vicenda lunga e ricca di colpi di scena.

In principio c’è da dire che Mattia Maita giunge sotto ‘il Cavatore’ nella stagione 2015/16, in un Catanzaro molto diverso da quello odierno. Tagliando corto sui primi anni opachi della squadra, nell’ossatura della squadra attuale, Maita – nominato capitano dopo lo svincolo di Nordi – viene scelto da dirigenza e allenatore come capisaldo e punto fermo da cui ripartire. Non a caso è suo il primo contratto biennale firmato dal management guidato da Noto all’inizio della scorsa stagione. “Ma l’estate va e porta via con sé, anche il meglio delle favole” cantava Califano nella nota ‘Un’estate fa’ e questo sembrava potesse essere anche il finale della storia d’amore fra il centrocampista classe 94’ ed i giallorossi. Infatti, nei meandri del calciomercato estivo, più di un sondaggio era stato fatto da alcune società – con il Bari e la Salernitana in prima fila – interessate ad accaparrarsi le prestazioni del regista venticinquenne.

Gli infortuni muscolari che hanno tenuto Maita fuori dall’elenco dei convocati nelle prime due gare stagionali – in coppa contro Casertana e Salernitana – hanno fatto il resto, alimentando le voci di un possibile addio da consumarsi nella stessa finestra di calciomercato, in virtù anche del contratto in scadenza. Ecco così crearsi un vortice, in cui circolavano anche le false notizie di incomprensioni con il tecnico Auteri, che si tramutava nel clima di terrore che serpeggiava tra i tifosi giallorossi, che già orfani di D’Ursi, temevano di perdere il proprio capitano. Finito il calciomercato, con Maita ancora ‘al suo posto’ non restava che prolungare l’accordo contrattuale. Questa la nota che pone il lieto fine alla vicenda: «Si rinnova il matrimonio tra l’US Catanzaro e Mattia Maita. Il capitano giallorosso, che indossa la casacca delle Aquile dal 2015/2016, ha firmato questa mattina il rinnovo di contratto per altre tre stagioni. Nessun problema nel trovare l’accordo tra le parti, con reciproca soddisfazione per il calciatore e per la società che ha sin da subito deciso di puntare sulle prestazioni del talentuoso centrocampista messinese».

Gli incidenti di percorso succedono, ma le squadre che ambiscono a crescere, pianificano e progettano strategie ed organizzazione senza sosta, così si diventa grandi.

Sancito nero su bianco, adesso è proprio fatta e non c’è spazio per gli equivoci. Il Catanzaro riparte da Maita e questo importante rinnovo arriva in un momento in cui simbolicamente, tra la sconfitta di Reggio e il prossimo delicato match contro la capolista Potenza, il Catanzaro sembra messo davanti alle proprie responsabilità.

Il centrocampista non ha nascosto felicità e determinatezza sui propri profili social; infatti, ha pubblicato una foto insieme al Presidente Noto, sotto lo slogan ‘insieme per vincere’. Post che si aggiunge all’ultimo all’indomani del passo falso del “Granillo” in cui fa valere i gradi del capitano attraverso la seguente carica di guida sapiente: “Soddisfatto della mia squadra! Di chi c’era e chi non c’era. Siamo un grande gruppo ed una grande squadra. Testa alla prossima”.

 

Condividi

Leave A Reply

object(WP_Post)#5134 (24) { ["ID"]=> int(42599) ["post_author"]=> string(1) "9" ["post_date"]=> string(19) "2019-10-18 08:39:34" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2019-10-18 06:39:34" ["post_content"]=> string(3633) "Catanzaro - Il capitano dei giallorossi, Mattia Maita - 140 presenze con la maglia delle aquile (comprese Coppa Italia, play-off e play-out) - ha firmato un triennale con la società di via Gioacchino da Fiore chiudendo la querelle sulla permanenza e mettendo il punto definitivo su quelle voci di mercato che quest’estate lo vedevano lontano dal capoluogo calabrese. Andiamo per ordine, ricostruendo una vicenda lunga e ricca di colpi di scena. In principio c’è da dire che Mattia Maita giunge sotto ‘il Cavatore’ nella stagione 2015/16, in un Catanzaro molto diverso da quello odierno. Tagliando corto sui primi anni opachi della squadra, nell’ossatura della squadra attuale, Maita - nominato capitano dopo lo svincolo di Nordi – viene scelto da dirigenza e allenatore come capisaldo e punto fermo da cui ripartire. Non a caso è suo il primo contratto biennale firmato dal management guidato da Noto all’inizio della scorsa stagione. “Ma l’estate va e porta via con sé, anche il meglio delle favole” cantava Califano nella nota ‘Un’estate fa’ e questo sembrava potesse essere anche il finale della storia d’amore fra il centrocampista classe 94’ ed i giallorossi. Infatti, nei meandri del calciomercato estivo, più di un sondaggio era stato fatto da alcune società – con il Bari e la Salernitana in prima fila - interessate ad accaparrarsi le prestazioni del regista venticinquenne. Gli infortuni muscolari che hanno tenuto Maita fuori dall’elenco dei convocati nelle prime due gare stagionali – in coppa contro Casertana e Salernitana - hanno fatto il resto, alimentando le voci di un possibile addio da consumarsi nella stessa finestra di calciomercato, in virtù anche del contratto in scadenza. Ecco così crearsi un vortice, in cui circolavano anche le false notizie di incomprensioni con il tecnico Auteri, che si tramutava nel clima di terrore che serpeggiava tra i tifosi giallorossi, che già orfani di D’Ursi, temevano di perdere il proprio capitano. Finito il calciomercato, con Maita ancora ‘al suo posto’ non restava che prolungare l’accordo contrattuale. Questa la nota che pone il lieto fine alla vicenda: «Si rinnova il matrimonio tra l’US Catanzaro e Mattia Maita. Il capitano giallorosso, che indossa la casacca delle Aquile dal 2015/2016, ha firmato questa mattina il rinnovo di contratto per altre tre stagioni. Nessun problema nel trovare l’accordo tra le parti, con reciproca soddisfazione per il calciatore e per la società che ha sin da subito deciso di puntare sulle prestazioni del talentuoso centrocampista messinese». Gli incidenti di percorso succedono, ma le squadre che ambiscono a crescere, pianificano e progettano strategie ed organizzazione senza sosta, così si diventa grandi. Sancito nero su bianco, adesso è proprio fatta e non c’è spazio per gli equivoci. Il Catanzaro riparte da Maita e questo importante rinnovo arriva in un momento in cui simbolicamente, tra la sconfitta di Reggio e il prossimo delicato match contro la capolista Potenza, il Catanzaro sembra messo davanti alle proprie responsabilità. Il centrocampista non ha nascosto felicità e determinatezza sui propri profili social; infatti, ha pubblicato una foto insieme al Presidente Noto, sotto lo slogan ‘insieme per vincere’. Post che si aggiunge all’ultimo all’indomani del passo falso del “Granillo” in cui fa valere i gradi del capitano attraverso la seguente carica di guida sapiente: “Soddisfatto della mia squadra! Di chi c’era e chi non c’era. Siamo un grande gruppo ed una grande squadra. Testa alla prossima”.  " ["post_title"]=> string(57) "Rinnovo formalizzato: Maita e il Catanzaro ancora insieme" ["post_excerpt"]=> string(0) "" ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(4) "open" ["ping_status"]=> string(4) "open" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(56) "rinnovo-formalizzato-maita-e-il-catanzaro-ancora-insieme" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2019-10-18 08:39:34" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2019-10-18 06:39:34" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(37) "https://www.noidicalabria.it/?p=42599" ["menu_order"]=> int(0) ["post_type"]=> string(4) "post" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" }