Dopo la pausa del campionato, dovuta al torneo di qualificazione olimpica e il rinvio della partita partita contro Padova, la Tonno Callipo si appresta a disputare il suo primo match dell’anno.
È passato quasi un mese dall’ultima gara ufficiale (il 22 dicembre a Modena) e i vibonesi hanno avuto la possibilità di poter lavorare su alcuni aspetti tecnici che hanno caratterizzato negativamente il girone di andato. Certo, l’assenza di Carle, Chinenyeze e Hirsh hanno un po’ pesato sulla qualità degli allenamenti, che però sono tanti comunque proficui, come ammette il libero giallorosso Rizzo:”Nel periodo di sosta abbiamo analizzato gli aspetti che nel girone di andata non sono andati come ci aspettavamo. La pausa da una parte ci ha fatto bene perché abbiamo potuto rifiatare dopo aver giocato praticamente ogni 3 giorni, dall’altro per noi, come per altre squadre, non è stato facile allenarsi a ranghi ridotti. Abbiamo cercato di fare i migliori allenamenti possibili, concentrandoci molto sul muro-difesa, perché credo che nell’arco della partita, tirare su qualche difesa in più e mettere poi il pallone a terra può darci quel qualcosa in più che ci permetterebbe di vincere i set piuttosto che perderli ai vantaggi. I ragazzi che sono stati impegnati con le nazionali -prosegue Rizzo- sono tornati molto carichi e determinati, perché 2 hanno conquistato la qualificazione olimpica, mentre Hirsh è arrivato comunque in finale”.
Parlando di Trento, nella partita di andata, disputata a Reggio Calabria, è mancato davvero poco per portare Giannelli e compagni al tie break. Questo è un buon segnale e in vista della partita di domenica, oltre alla correlazione muro-difesa, Cichello ha focalizzato il lavoro su un aspetto molto importante:”La gestione dei palloni importanti -dice Rizzo-. Quando non si ha la palla perfetta è scomodo cercare le soluzioni giuste e si tende sempre a forzare. Proprio su questo ci siamo focalizzati, sull’essere un po’ più lucidi sulla rigiocata, cercando di mettere la palla in testa al palleggiatore per dargli la possibilità di servire al meglio i compagni per fare punto. Quello che è sicuro è che ce la metteremo tutta e proveremo a fare la sorpresa”.

Condividi

Leave A Reply

object(WP_Post)#5137 (24) { ["ID"]=> int(52685) ["post_author"]=> string(2) "10" ["post_date"]=> string(19) "2020-01-17 16:36:26" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2020-01-17 15:36:26" ["post_content"]=> string(2237) " Dopo la pausa del campionato, dovuta al torneo di qualificazione olimpica e il rinvio della partita partita contro Padova, la Tonno Callipo si appresta a disputare il suo primo match dell’anno. È passato quasi un mese dall’ultima gara ufficiale (il 22 dicembre a Modena) e i vibonesi hanno avuto la possibilità di poter lavorare su alcuni aspetti tecnici che hanno caratterizzato negativamente il girone di andato. Certo, l’assenza di Carle, Chinenyeze e Hirsh hanno un po' pesato sulla qualità degli allenamenti, che però sono tanti comunque proficui, come ammette il libero giallorosso Rizzo:”Nel periodo di sosta abbiamo analizzato gli aspetti che nel girone di andata non sono andati come ci aspettavamo. La pausa da una parte ci ha fatto bene perché abbiamo potuto rifiatare dopo aver giocato praticamente ogni 3 giorni, dall’altro per noi, come per altre squadre, non è stato facile allenarsi a ranghi ridotti. Abbiamo cercato di fare i migliori allenamenti possibili, concentrandoci molto sul muro-difesa, perché credo che nell’arco della partita, tirare su qualche difesa in più e mettere poi il pallone a terra può darci quel qualcosa in più che ci permetterebbe di vincere i set piuttosto che perderli ai vantaggi. I ragazzi che sono stati impegnati con le nazionali -prosegue Rizzo- sono tornati molto carichi e determinati, perché 2 hanno conquistato la qualificazione olimpica, mentre Hirsh è arrivato comunque in finale”. Parlando di Trento, nella partita di andata, disputata a Reggio Calabria, è mancato davvero poco per portare Giannelli e compagni al tie break. Questo è un buon segnale e in vista della partita di domenica, oltre alla correlazione muro-difesa, Cichello ha focalizzato il lavoro su un aspetto molto importante:”La gestione dei palloni importanti -dice Rizzo-. Quando non si ha la palla perfetta è scomodo cercare le soluzioni giuste e si tende sempre a forzare. Proprio su questo ci siamo focalizzati, sull’essere un po' più lucidi sulla rigiocata, cercando di mettere la palla in testa al palleggiatore per dargli la possibilità di servire al meglio i compagni per fare punto. Quello che è sicuro è che ce la metteremo tutta e proveremo a fare la sorpresa”. " ["post_title"]=> string(37) "Rizzo: "Proveremo a fare la sorpresa"" ["post_excerpt"]=> string(0) "" ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(4) "open" ["ping_status"]=> string(4) "open" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(34) "rizzo-proveremo-a-fare-la-sorpresa" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2020-01-17 16:44:09" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2020-01-17 15:44:09" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(37) "https://www.noidicalabria.it/?p=52685" ["menu_order"]=> int(0) ["post_type"]=> string(4) "post" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" }