«Guardi, forse i lavoratori non sanno che il bando è già stato pubblicato da parte della Regione Calabria, quello che manca adesso è solo il decreto di assegnazione e assunzione. Noi come Comune abbiamo partecipato alla manifestazione di interesse per chiedere non più soli ventiquattro precari ma quaranta. Ed è notizia proprio di queste ultime ore che la Regione ha ufficialmente deciso di soddisfare appieno la nostra richiesta: i lavoratori che arriveranno saranno dunque quaranta». 

A fare ciò che ritiene da un lato una «doverosa precisazione» e, dall’altro, annunciare con evidente soddisfazione che i lavoratori assegnati al Comune di Vibo Valentia sono quasi raddoppiati, è Domenico Primerano, assessore al Personale.  L’intervento del vicesindaco del capoluogo a seguito dell’accorato appello lanciato pochi giorni fa dalle colonne di questo giornale da parte degli ex percettori di mobilità in deroga, che fino all’11 novembre scorso hanno lavorato alle dipendenze di Palazzo Luigi Razza. I ventiquattro precari quindi, preoccupati del loro futuro occupazionale, hanno chiesto all’amministrazione Limardo di sollecitare la Regione (l’ente che paga gli stipendi) al fine di velocizzare le procedure finalizzate a consentire a questi lavoratori di poter rientrare in servizio. Si tratta, come scritto nel precedente articolo, di personale impiegato per quattro ore giornaliere di lavoro, ma, vista la cronica carenza di dipendenti all’interno del Comune, questi l svolgono ormai da tre anni un’opera fondamentale per il buon andamento dell’attività amministrazione nel suo complesso, in quanto, oltre che  per svolgere servizio di portineria, detto personale viene utilizzato anche per il disbrigo di pratiche presso i vari uffici di Palazzo Luigi Razza: Ragioneria, Tecnico, Urbanistica, Protocollo, Suoli cimiteriali.

«L’assenza di questi lavoratori si fa sentire molto – ammette lo stesso assessore di Palazzo Razza – Noi siamo già in una situazione di fortissima emergenza per quanto riguarda il personale dipendente che è sempre di meno per via dei continui pensionamenti. Va da sé che se a tutto ciò vengono addirittura meno oltre venti lavoratori, anche se part time, la situazione per certi versi diventa insostenibile. Quest’anno, peraltro, – ribadisce l’esponente della giunta Limardo – abbiamo chiesto di poter avere ben quaranta di questi lavoratori poiché dobbiamo in qualche modo intervenire davanti ad una carenza di personale che rischia di mettere in ginocchio questo Comune. E la Regione, come anticipato, ci ha accontentati. Pertanto, l’arrivo di questo personale consentirà di coprire maggiori servizi e nello stesso tempo – conclude Primerano – di svolgere il lavoro con maggiore serenità».  

Il Comune adesso sarò chiamato presso gli uffici competenti della Cittadella di Catanzaro per sottoscrivere la convenzione con la Regione, dopodiché si procederà con l’assegnazione ufficiale a Palazzo Razza dei lavoratori interessati. Il tutto, comunque, dovrebbe avvenire con l’inizio del nuovo anno.  

     

Condividi

Leave A Reply

object(WP_Post)#5134 (24) { ["ID"]=> int(48857) ["post_author"]=> string(2) "14" ["post_date"]=> string(19) "2019-12-05 14:01:57" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2019-12-05 13:01:57" ["post_content"]=> string(3367) "«Guardi, forse i lavoratori non sanno che il bando è già stato pubblicato da parte della Regione Calabria, quello che manca adesso è solo il decreto di assegnazione e assunzione. Noi come Comune abbiamo partecipato alla manifestazione di interesse per chiedere non più soli ventiquattro precari ma quaranta. Ed è notizia proprio di queste ultime ore che la Regione ha ufficialmente deciso di soddisfare appieno la nostra richiesta: i lavoratori che arriveranno saranno dunque quaranta».  A fare ciò che ritiene da un lato una «doverosa precisazione» e, dall’altro, annunciare con evidente soddisfazione che i lavoratori assegnati al Comune di Vibo Valentia sono quasi raddoppiati, è Domenico Primerano, assessore al Personale.  L’intervento del vicesindaco del capoluogo a seguito dell’accorato appello lanciato pochi giorni fa dalle colonne di questo giornale da parte degli ex percettori di mobilità in deroga, che fino all’11 novembre scorso hanno lavorato alle dipendenze di Palazzo Luigi Razza. I ventiquattro precari quindi, preoccupati del loro futuro occupazionale, hanno chiesto all’amministrazione Limardo di sollecitare la Regione (l’ente che paga gli stipendi) al fine di velocizzare le procedure finalizzate a consentire a questi lavoratori di poter rientrare in servizio. Si tratta, come scritto nel precedente articolo, di personale impiegato per quattro ore giornaliere di lavoro, ma, vista la cronica carenza di dipendenti all’interno del Comune, questi l svolgono ormai da tre anni un’opera fondamentale per il buon andamento dell’attività amministrazione nel suo complesso, in quanto, oltre che  per svolgere servizio di portineria, detto personale viene utilizzato anche per il disbrigo di pratiche presso i vari uffici di Palazzo Luigi Razza: Ragioneria, Tecnico, Urbanistica, Protocollo, Suoli cimiteriali. «L’assenza di questi lavoratori si fa sentire molto - ammette lo stesso assessore di Palazzo Razza – Noi siamo già in una situazione di fortissima emergenza per quanto riguarda il personale dipendente che è sempre di meno per via dei continui pensionamenti. Va da sé che se a tutto ciò vengono addirittura meno oltre venti lavoratori, anche se part time, la situazione per certi versi diventa insostenibile. Quest’anno, peraltro, - ribadisce l’esponente della giunta Limardo - abbiamo chiesto di poter avere ben quaranta di questi lavoratori poiché dobbiamo in qualche modo intervenire davanti ad una carenza di personale che rischia di mettere in ginocchio questo Comune. E la Regione, come anticipato, ci ha accontentati. Pertanto, l’arrivo di questo personale consentirà di coprire maggiori servizi e nello stesso tempo - conclude Primerano - di svolgere il lavoro con maggiore serenità».   Il Comune adesso sarò chiamato presso gli uffici competenti della Cittadella di Catanzaro per sottoscrivere la convenzione con la Regione, dopodiché si procederà con l’assegnazione ufficiale a Palazzo Razza dei lavoratori interessati. Il tutto, comunque, dovrebbe avvenire con l’inizio del nuovo anno.        " ["post_title"]=> string(84) "Vibo  - Comune e lavoro: la Regione assegna 40 ex percettori di mobilità in deroga" ["post_excerpt"]=> string(0) "" ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(4) "open" ["ping_status"]=> string(4) "open" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(78) "vibo-comune-e-lavoro-la-regione-assegna-40-ex-percettori-di-mobilita-in-deroga" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2019-12-05 14:01:57" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2019-12-05 13:01:57" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(37) "https://www.noidicalabria.it/?p=48857" ["menu_order"]=> int(0) ["post_type"]=> string(4) "post" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" }