Prime pesanti conseguenze dovute all’indagine della Direzione distrettuale antimafia di Catanzaro sul Comune capoluogo di provincia. Il blitz di lunedì scorso da parte della Guardia di Finanza a Palazzo Luigi Razza, nel corso del quale sono stati prelevati innumerevoli atti amministrativi, ha infatti portato il sindaco Maria Limardo a una sostanziale rivisitazione delle deleghe dell’apparato burocratico comunale, già modificate peraltro lo scorso 8 luglio. Il primo cittadino ha rivisto e ridistribuito gli incarichi dirigenziali facendo di fatto salire in cattedra – come si vedrà più avanti – il segretario generale dell’ente Domenico Scuglia, giunto in Comune da pochi mesi, che diventa una sorta di maxidirigente.
Con apposito decreto, il capo dell’amministrazione cittadina ha, pertanto, assunto decisioni drastiche. Ad essere colpito in maniera dura è stato soprattutto il dirigente Filippo Nesci, al quale resta soltanto il comando della Polizia municipale. Tolti, dunque, i Tributi, il Controllo dell’abusivismo edilizio, la gestione del Patrimonio, l’Edilizia pubblica e i Servizi cimiteriali. Alla dirigente Adriana Teti, invece, rimangono lo Sportello unico dell’edilizia, l’Innovazione tecnologica, l’Urbanistica, l’Ambiente e la gestione dei rifiuti.

Il segretario Scuglia fa, dunque, il pieno di incarichi. A quest’ultimo sono stati affidati i settori Affari generali, Procedimenti disciplinari, Politiche sociali, Welfare, Sanità, Istruzione, Cultura, Turismo, Territorio e Pianificazione urbana sostenibile con poteri su abusivismo edilizio, demolizioni e contenzioso, edilizia pubblica, toponomastica, gestione del patrimonio comunale e demanio. E ancora i settori Infrastrutture e Protezione civile, Commercio e Attività produttive, Bilancio, Programmazione finanziaria, Tributi ed Entrate. Sempre a Scuglia sono andati, infine, anche la Segreteria generale, i Controlli amministrativi, l’Anticorruzione, la Trasparenza, la Programmazione e il controllo strategico.

Condividi

Leave A Reply

object(WP_Post)#5108 (24) { ["ID"]=> int(44383) ["post_author"]=> string(1) "4" ["post_date"]=> string(19) "2019-10-31 08:25:57" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2019-10-31 07:25:57" ["post_content"]=> string(2029) "Prime pesanti conseguenze dovute all’indagine della Direzione distrettuale antimafia di Catanzaro sul Comune capoluogo di provincia. Il blitz di lunedì scorso da parte della Guardia di Finanza a Palazzo Luigi Razza, nel corso del quale sono stati prelevati innumerevoli atti amministrativi, ha infatti portato il sindaco Maria Limardo a una sostanziale rivisitazione delle deleghe dell’apparato burocratico comunale, già modificate peraltro lo scorso 8 luglio. Il primo cittadino ha rivisto e ridistribuito gli incarichi dirigenziali facendo di fatto salire in cattedra - come si vedrà più avanti - il segretario generale dell’ente Domenico Scuglia, giunto in Comune da pochi mesi, che diventa una sorta di maxidirigente. Con apposito decreto, il capo dell’amministrazione cittadina ha, pertanto, assunto decisioni drastiche. Ad essere colpito in maniera dura è stato soprattutto il dirigente Filippo Nesci, al quale resta soltanto il comando della Polizia municipale. Tolti, dunque, i Tributi, il Controllo dell’abusivismo edilizio, la gestione del Patrimonio, l’Edilizia pubblica e i Servizi cimiteriali. Alla dirigente Adriana Teti, invece, rimangono lo Sportello unico dell’edilizia, l’Innovazione tecnologica, l’Urbanistica, l’Ambiente e la gestione dei rifiuti. Il segretario Scuglia fa, dunque, il pieno di incarichi. A quest’ultimo sono stati affidati i settori Affari generali, Procedimenti disciplinari, Politiche sociali, Welfare, Sanità, Istruzione, Cultura, Turismo, Territorio e Pianificazione urbana sostenibile con poteri su abusivismo edilizio, demolizioni e contenzioso, edilizia pubblica, toponomastica, gestione del patrimonio comunale e demanio. E ancora i settori Infrastrutture e Protezione civile, Commercio e Attività produttive, Bilancio, Programmazione finanziaria, Tributi ed Entrate. Sempre a Scuglia sono andati, infine, anche la Segreteria generale, i Controlli amministrativi, l’Anticorruzione, la Trasparenza, la Programmazione e il controllo strategico. " ["post_title"]=> string(78) "Vibo - Finanza in Comune, si cambia: il segretario Scuglia nuovo maxidirigente" ["post_excerpt"]=> string(0) "" ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(4) "open" ["ping_status"]=> string(4) "open" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(74) "vibo-finanza-in-comune-si-cambia-il-segretario-scuglia-nuovo-maxidirigente" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2019-10-31 08:25:57" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2019-10-31 07:25:57" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(37) "https://www.noidicalabria.it/?p=44383" ["menu_order"]=> int(0) ["post_type"]=> string(4) "post" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" }