Una comunità difficile quella vibonese, in cui spesso si riflettono la disorganizzazione, l’inadeguatezza e l’inefficienza di una classe politica che, da anni, contribuisce al livellamento verso il basso della società. Una comunità che vive di problemi ormai radicati sul territorio e nella quale le manifestazioni del fenomeno mafioso e la “cultura dei disvalori” tentano di insinuarsi nella vita di tutti i giorni e di prendere in prestito la gioventù per rubarle il futuro. In questo contesto, esistono ancora però quei punti di riferimento riconosciuti unanimemente come tali da tutti, quelle persone che conoscono il territorio vibonese e che nello stesso vedono ancora un’occasione per celebrare il buono, la speranza e la forza per reagire alle tante cose non vanno. Uno dei pilastri della comunità vibonese è certamente Don Peppino Fiorillo, già arciprete del Duomo di San Leoluca e responsabile provinciale  dell’associazione “Libera” che, da sempre, ha a cuore le sorti del territorio vibonese e della società su esso organizzata. E questa, del resto, è una città che merita di essere curata anche nell’animo. In occasione del giorno di tutti i  Santi, abbiamo chiesto proprio a Don Fiorillo quale è il messaggio con cui parlare al cuore dei cittadini vibonesi per dare loro speranza e fiducia: «Quello di Ognissanti – ha esordito Don Fiorillo – è un giorno che permette di essere partecipi, dal punto di vista spirituale, di un’atmosfera molto bella e sentita. È anche un momento di raccoglimento e di riflessione, perché anticipa il giorno dedicato alla memoria dei nostri cari». Ma il sacerdote ha voluto anche ricordare che «questo ponte sarà utile per riflettere anche sull’importanza del tempo che abbiamo a disposizione e che, nell’agire terreno,  non deve lasciare spazio a sentimenti negativi quali quelli di odio, orgoglio, superbia. In sostanza, il tempo che abbiamo – ha sottolineato Don Fiorillo – deve essere vissuto nel bene affinché abbia un grande valore per l’eternità e quella di Ognissanti è un’opportunità che ognuno deve cogliere come momento di raccoglimento per  ricordare questo aspetto della vita». Parroco dimissionario per aver raggiunto i limiti di età, don Fiorillo è stato sempre ed è ancora oggi quel punto di riferimento indispensabile, in cui tutti i cittadini ritrovano la condivisione di valori, ideali e modelli di comportamento positivi che permettono di valorizzare la dimensione del “noi” cristiano, che sottolinea la  centralità della persona. In questo giorno così importante per la Chiesa, nessuno meglio di Don Fiorillo avrebbe potuto  comprendere ed interpretare le esigenze della comunità alla quale regalare un messaggio di prospettiva ricca di significato umano, sociale e cristiano.

Condividi

Leave A Reply

object(WP_Post)#5108 (24) { ["ID"]=> int(44509) ["post_author"]=> string(2) "11" ["post_date"]=> string(19) "2019-11-01 09:39:21" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2019-11-01 08:39:21" ["post_content"]=> string(3075) "Una comunità difficile quella vibonese, in cui spesso si riflettono la disorganizzazione, l’inadeguatezza e l’inefficienza di una classe politica che, da anni, contribuisce al livellamento verso il basso della società. Una comunità che vive di problemi ormai radicati sul territorio e nella quale le manifestazioni del fenomeno mafioso e la “cultura dei disvalori” tentano di insinuarsi nella vita di tutti i giorni e di prendere in prestito la gioventù per rubarle il futuro. In questo contesto, esistono ancora però quei punti di riferimento riconosciuti unanimemente come tali da tutti, quelle persone che conoscono il territorio vibonese e che nello stesso vedono ancora un’occasione per celebrare il buono, la speranza e la forza per reagire alle tante cose non vanno. Uno dei pilastri della comunità vibonese è certamente Don Peppino Fiorillo, già arciprete del Duomo di San Leoluca e responsabile provinciale  dell’associazione “Libera” che, da sempre, ha a cuore le sorti del territorio vibonese e della società su esso organizzata. E questa, del resto, è una città che merita di essere curata anche nell’animo. In occasione del giorno di tutti i  Santi, abbiamo chiesto proprio a Don Fiorillo quale è il messaggio con cui parlare al cuore dei cittadini vibonesi per dare loro speranza e fiducia: «Quello di Ognissanti – ha esordito Don Fiorillo – è un giorno che permette di essere partecipi, dal punto di vista spirituale, di un’atmosfera molto bella e sentita. È anche un momento di raccoglimento e di riflessione, perché anticipa il giorno dedicato alla memoria dei nostri cari». Ma il sacerdote ha voluto anche ricordare che «questo ponte sarà utile per riflettere anche sull’importanza del tempo che abbiamo a disposizione e che, nell’agire terreno,  non deve lasciare spazio a sentimenti negativi quali quelli di odio, orgoglio, superbia. In sostanza, il tempo che abbiamo – ha sottolineato Don Fiorillo – deve essere vissuto nel bene affinché abbia un grande valore per l’eternità e quella di Ognissanti è un’opportunità che ognuno deve cogliere come momento di raccoglimento per  ricordare questo aspetto della vita». Parroco dimissionario per aver raggiunto i limiti di età, don Fiorillo è stato sempre ed è ancora oggi quel punto di riferimento indispensabile, in cui tutti i cittadini ritrovano la condivisione di valori, ideali e modelli di comportamento positivi che permettono di valorizzare la dimensione del “noi” cristiano, che sottolinea la  centralità della persona. In questo giorno così importante per la Chiesa, nessuno meglio di Don Fiorillo avrebbe potuto  comprendere ed interpretare le esigenze della comunità alla quale regalare un messaggio di prospettiva ricca di significato umano, sociale e cristiano." ["post_title"]=> string(84) "Vibo – Ognissanti, Don Fiorillo invita a trasformare il tempo in occasione di bene" ["post_excerpt"]=> string(0) "" ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(4) "open" ["ping_status"]=> string(4) "open" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(79) "vibo-ognissanti-don-fiorillo-invita-a-trasformare-il-tempo-in-occasione-di-bene" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2019-11-01 09:39:21" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2019-11-01 08:39:21" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(37) "https://www.noidicalabria.it/?p=44509" ["menu_order"]=> int(0) ["post_type"]=> string(4) "post" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" }